• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

L'AQUILA: OBLIVION AL RIDOTTO DEL TEATRO CON ''LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA''

Pubblicazione: 20 novembre 2018 alle ore 12:02

L'AQUILA - Spettacolo degli Oblivion all'Aquila, questa sera al Ridotto del Teatro Comunale alle 21 e domani mercoledì 21 novembre in replica alle 17,30 con la "La Bibbia Riveduta e Scorretta", di Davide Calabrese, Lorenzo ScudaFabio Vagnarelli.

Lo spettacolo rientra nel cartellone della stagione 2018/2019 del Teatro  Stabile d'Abruzzo.

Le musiche dello spettacolo sono di Lorenzo Scuda, scene e costumi di Guido Fiorato, luci di Aldo Mantovani, coreografie  di Francesca Folloni, e la regia di Giorgio Gallione.

Per la prima volta gli Oblivion si mettono alla prova con un vero e proprio musical comico. Uno show dissacrante, a salire sul placoscenico saranno l’eterna lotta tra potere divino e quarto potere.

"Germania 1455, Johann Gutenberg - si legge nella nota - introduce la stampa a caratteri mobili creando l’editoria e inaugurando di fatto l’Età Moderna. Conscio della portata rivoluzionaria di questa scoperta, Gutenberg sta per scegliere il primo titolo da stampare. Al culmine della sua ansia da prestazione bussa alla porta della prima stamperia della storia un Signore. Anzi, il Signore. È proprio Dio che da millenni aspettava questo momento".

Dio si presenta con un’autobiografia manu-scolpita di suo pugno su lastre di pietra e chiede a Gutenberg di pubblicarla con l’intento di diffonderla in tutte le case del mondo e diventare così il più grande scrittore della storia. Gutenberg, da bravo teutonico, è molto risoluto e sa bene cosa cerca il pubblico in un libro.

Cercherà quindi di trasformare, con ogni mezzo possibile, quello che lui considera un insieme di storie scollegate e bizzarre in un vero e proprio best seller: La Bibbia.

Tra discussioni infinite, riscritture e un continuo braccio di ferro tra autore ed editore, nella tipografia prenderanno vita le vicende più incredibili dell’Antico e Nuovo Testamento, le parti scartate e tutta la Verità sulla Creazione del mondo, finalmente nella versione senza censure".

Gli Oblivion sono composti da Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli, nascono a Bologna nel 2003.

Trascorrono anni intensi spesi nel teatro di rivista e nei musical, poi nel 2009 diventano notissimi al grande pubblico grazie al loro video su YouTube "I Promessi Sposi in 10 minuti", micro-musical visto ed emulato da milioni di utenti.

Da quel momento iniziano un lungo tour teatrale con lo spettacolo "Oblivion Show" per la regia di Gioele Dix: due stagioni di tour e oltre 200 repliche nei più importanti teatri e città italiane.

Il teatro chiama poi la tv: debuttano sul piccolo schermo a "Parla con me" di Serena Dandini e segue poi l’invito nel cast di Zelig su Canale5 nel 2011.

Migliaia di studenti impazziscono per le parodie culturali degli Oblivion diventate ormai parte del gergo giovanile: oltre a "I Promessi Sposi in 10 minuti" ci sono "L’Inferno in 6 minuti" e "Pinocchio" in 6 minuti.

Nasce anche un libro con dvd dal titolo I Promessi Esplosi, (Pendragon 2011) tra il didattico e il comico, esperienza che confluisce in una serie di "Lectio Dementialis" nei più prestigiosi licei ed atenei d’Italia.

Nel 2011 debutta anche il nuovo show teatrale "Oblivion Show 2.0. Il Sussidiario", sempre con la regia di Gioele Dix, nell’ottobre 2012 esce il loro primo singolo Tutti quanti voglion fare yoga seguito da un divertentissimo video interattivo, mentre nell’aprile 2013 viene pubblicato il singolo e video di C’è bisogno di zebra

Nell’agosto 2013 debutta sul palco del Ravello Festival Othello, la "H è muta", spettacolo nel quale demoliscono a colpi di grottesca ironia sia l'Otello di William Shakespeare che l'Otello di Giuseppe Verdi in uno show con la consulenza registica di Giorgio Gallione che è stato rappresentato anche al Teatro Regio di Parma dopo una lunghissima tournée.

Nel 2014 gli artisti presentano "Oblivion.zip", dove per la prima volta è previsto il coinvolgimento del pubblico con una scaletta a richiesta dei presenti. 

Nel febbraio del 2015 debuttano sul web gli irresistibili mash-up del gruppo che ottengono milioni di visualizzazioni, in particolare Morandi VS Queen.

A dicembre 2015 sono ospiti di "Giorgio Panariello sotto l’albero" in prima serata su RaiUno e a gennaio 2016 partecipano alla festa dei 40 anni del quotidiano La Repubblica dove presentano il nuovo singolo Evolution of Sanremo, un’incredibile carrellata delle 68 canzoni vincitrici del festival di Sanremo in soli 5 minuti. 

Nel 2015 debutta "Oblivion: The Human Jukebox", sempre con la consulenza registica di Giorgio Gallione, in scena per tre stagioni nei principali teatri italiani tra i quali il Teatro Sistina di Roma. In questo spettacolo gli Oblivion mettono tutto il meglio del loro linguaggio: esperimenti musicali folli e spettacolari e testi fortemente dissacranti dal potere comico debordante.

La presenza del gruppo su Internet è sempre massiccia con diverse serie di video che raccolgono milioni di click: dai video di "Papale e Quale" in cui si arrangiano i più famosi brani di Chiesa come fossero successi pop, a "V per Venditti", pillole di satira musicale sui cantanti italiani e stranieri più amati dal grande pubblico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui