L'AQUILA: POLIGONO COLLEBRINCIONI, ''ACCORDO CON NONO REGGIMENTO ALPINI''

Pubblicazione: 11 ottobre 2018 alle ore 15:30

L'AQUILA - "Raggiunta un’importante intesa con il Nono Reggimento Alpini, la cui disponibilità ed efficienza ha portato, ancora una volta, ad ottenere ottimi risultati. Il Nono Reggimento Alpini si è infatti impegnato a non svolgere esercitazioni militari, per tre mesi, nel territorio di Collebrincioni, onde consentire al manto erboso della zona di rigenerarsi".

Così, in una nota, il consigliere comunale dell'Aquila Daniele D’Angelo, capogruppo di Benvenuto Presente. Il tema si lega alle polemiche relative al poligono militare di Monte Stabiata, nella frazione aquilana di Collebrincioni, accusato da alcuni cittadini che si sono riuniti in un comitato, di deturpare una delle zone più belle della montagna aquilana.

Nei mesi scorsi una delegazione del comitato di Collebrincioni aveva incontrato i vertici del Parco Gran Sasso, il presidente Tommaso Navarra, il direttore Alfonso Calzolaio e la botanica Daniela Tinti.

Se da un lato molti residenti si scagliano contro il poligono per motivi ambientali, dall'altro viene riconosciuta la funzione strategica dello stesso per i militari aquilani e non, vista la grande presenza dell'esercito romano e laziale in generale. Il territorio, poi, è molto simile alle zone dove si svolgono le missioni, e in particolare all'Afghanistan.

Moltissimi sono i gruppi di militari che partono dall'Aquila alla volta delle zone di guerra o comunque in missioni di pace. La paura, dunque, è che se l'istanza del comitato fosse accettata e il poligono fosse dismesso, la Caserma del capoluogo potrebbe essere chiusa.

Per scongiurare questa ipotesi, il Parco ha lanciato due proposte: la prima, è quella di un accordo con l'esercito che avrebbe regole più precise rispetto all'utilizzo dell'area, escludendo quindi un'eventuale delocalizzazione; la seconda è quella della chiusura definitiva del poligono, che comporterebbe tempi lunghissimi nella sua ipotetica attuazione. 

Intanto con l'interruzione delle esercitazioni del Nono Reggimento Alpini, spiega D'Angelo, si è raggiunto un  ottimo risultato. "E sempre qualche giorno fa - agginge il consigliere - è stato effettuato, a cura del Reggimento, un sopralluogo finalizzato alla sistemazione di strade e sentieri interessati dal passaggio dei loro mezzi, dichiarando anche la disponibilità a ripristinare l’area del poligono, sebbene i danneggiamenti, in questo caso, non siano riconducibili alle esercitazioni militari". 

"Proficua collaborazione, dunque, e grande rispetto, da parte del Nono Reggimento Alpini, nei confronti del nostro meraviglioso territorio - conclude D'Angelo -. Da parte mia un sincero ringraziamento".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui