L'AQUILA, RIECCO LA CHIESA DI SAN VITO ALLA RIVERA,
''SI DIRA' MESSA OGNI DOMENICA, LA PRIMA IN LATINO''

Pubblicazione: 16 giugno 2017 alle ore 18:27

La chiesa di San Vito alla Rivera dell'Aquila restaurata
di

L’AQUILA - Torna a nuova vita, e da domani si dirà messa ogni domenica, la chiesa di San Vito alla Rivera, uno dei luoghi più importanti per la storia e la cultura dell’Aquila, nello storico borgo antico di fronte alla fontana monumentale delle 99 Cannelle.

Realizzata a partire dal XIII secolo su impegno di uno dei Castelli del comprensorio aquilano, nella fattispecie quello di Tornimparte, la chiesa, cuore e simbolo della fondazione della città capoluogo, ha rischiato di scomparire nel terremoto 2009.

Rimasta gravemente danneggiata, ha visto un primo segno di rinascita nel 2014, in cui è stata ricostruita la facciata di stile romanico. L’interno era, comunque, rimasto inagibile fino a oggi.

“Un altro monumento chiave per L’Aquila che torna fruibile alla città - ha esordito così, nell’incontro con la stampa, il segretario regionale dei Beni culturali, Stefano Gizzi - un edificio religioso fondamentale che oggi riapre al culto”.

A tenere particolarmente alla ricostruzione di San Vito il suo parroco, padre Marcello Graziosi, che da domani, 17 giugno, alle 17.30 celebrerà la prima funzione, dopo ben 8 anni. E la terza domenicale, dopodomani, sempre alle 17.30 sarà addirittura in latino.

“Sarà aperta sempre al pubblico - ha assicurato il parroco - Dobbiamo dare la possibilità a tutti di poter venire a pregare e in ogni momento, solo in questo modo rivivrà davvero”.

“Ci troviamo in uno dei luoghi simbolicamente più rilevanti, in quanto si tratta di un sito che, probabilmente, preesisteva alla fondazione della città, sorto in un luogo ricco di acque sorgive e fonti, emblema di vita, appunto di rinascita - ha aggiunto Gizzi - Era importante per noi contenere al minimo le trasformazioni dell’architettura storica del sito e questo è stato reso possibile grazie al lavoro svolto in sinergia con la Soprintendenza”.

Il processo di ricostruzione, costato complessivamente 150 mila euro, è stato reso difficoltoso a causa dello spostamento dell’assetto stazionario e il crollo della parte superiore della facciata, conseguenti al sisma.

“I lavori di restauro hanno interessato due lotti differenti - ha spiegato il progettista, Alessandro Mazza - Il primo riguardante il riconsolidamento dell’aula: abbiamo per esempio sostituito le galbiate originali, che essendo in legno avevano subìto varie infiltrazioni di acqua ed erano irrecuperabili, ma siamo riusciti a mantenere le mattonelle originali in cotto”.

“E infine, il lavoro più difficile, il restauro della facciata, che aveva subito a causa del sisma una curvatura di quasi 25 centimetri - ha proseguito - Il secondo lotto, più semplice da realizzare, comprendeva invece il ripristino strutturale della casa parrocchiale”.

L’architetto Claudio Ciofani, responsabile unico del procedimento nelle due fasi, ha spiegato che “tutti gli interventi sono stati eseguiti al fine di avere un edificio antisismico, mantenendo al contempo le caratteristiche e lo stile della Chiesa. Anche la configurazione spaziale degli interni - ha aggiunto - è stata modificata, in particolare quella del presbiterio, dove è stata costruita ex novo una rampa per permettere l’accesso ai disabili e abbattere ogni barriera architettonica”.

“Nel restauro del portale, abbiamo riscontrato molte difficoltà - ha ammesso la responsabile delle attività sugli appalti storico-artistici, la ex soprintendente Biancamaria Colasacco - Si è dovuto rimuovere precedenti integrazioni di cemento e, dopo un lavoro di consolidamento, abbiamo operato ad acquerello, come se il portale fosse un dipinto”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui