LA RICOSTRUZIONE E I LUOGHI CHIAVE DELL'AQUILA
NEL PRESEPE DEI BAMBINI DELLA MATERNA DI GIGNANO

Pubblicazione: 18 dicembre 2017 alle ore 09:24

La città dell'Aquila nel presepe dei bambini della materna di Gignano
di

L'AQUILA - Un presepe alternativo che parte dalla ricostruzione dell'Aquila e racconta attraverso i disegni i luoghi della memoria, con i monumenti simbolo della città, è stato realizzato dai bambini della scuola dell'infanzia ''Arcobaleno'' di Gignano.

L'inaugurazione è prevista per il 20 dicembre, alle 16,30, e l'idea è nata dal progetto ''Essere cittadini del nostro tempo'' della compagnia Teatrabile, con la finalità educativa di far iniziare a "scoprire e a rendersi conto, sempre meglio, della necessità di stabilire una relazione con l'ambiente in cui viviamo".

I bambini sono stati coordinati nel progetto dalla dirigente scolastica Lucia Di Giulio, dalle tirocinanti e dalle collaboratrici, e dalle insegnanti Carla Trecco, Pia Sebastiano, Maria Gabriella Stecconi, Carolina Panatta, Simonetta Passacantando.

Nel presepe sono rappresentati i quattro quarti della città dell'Aquila con le loro piazze significative: il quarto di Santa Maria Paganica con la sua chiesa, la fontana e Palazzo Ardinghelli, quarto di  San Pietro a Coppito con la sua chiesa, la fontana e Palazzo Vastarini-Cresi, il quarto di San Giovanni con la chiesa di San Vito, le 99 cannelle e Porta Rivera, il quarto di San Giorgio con la chiesa di Santa Giusta, la fontana e Palazzo Centi.

Una stella cometa, infine, a riunire sotto la sua brillante coda tutta la città, dalla Natività alla Basilica di Collemaggio, che verrà riaperta in concomitanza con l'inaugurazione del presepe.

Una preparazione cominciata già da qualche mese con lo ''studio'' di immagini, stampe, cartoline e documentazioni storiche.

"I nostri bambini hanno accolto con gioia e sorprendente trasporto il progetto - hanno raccontato ad AbruzzoWeb le insegnanti - con una suddivisione dei compiti da effettuare, in base all'età, valorizzando le capacità di ognuno di loro".

"Abbiamo affidato - hanno aggiunto - la realizzazzione delle quattro piazze e della Basilica ai bambini di 5 anni, i pastori, le pecorelle, la stella cometa e la Natività a quelli di 4, i disegni delle montagne, del cielo e del prato a quelli di 3".

Le maestre, inoltre, vista la buona risposta dei piccoli artisti, hanno deciso di estendere il progetto, che proseguirà anche dopo il periodo natalizio, con una visita guidata alla scoperta dei luoghi simbolo dell'Aquila.

"Siamo certe - hanno concluso - che questi bambini impareranno nel tempo a conoscersi e ad essere riconosciuti come persone uniche ed irripetibili".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui