LABORATORI GRAN SASSO: L'ESPERIMENTO SOX CONTESTATO, LA SCHEDA

Pubblicazione: 12 ottobre 2017 alle ore 20:15

L’AQUILA - Il progetto Borexino-Sox ai Laboratori del Gran Sasso, si spiega in una nota Lngs-Infn, “si basa sull’utilizzo di un innovativo generatore di antineutrini”.

Ecco nel dettaglio la descrizione dell’esperimento Sox fornita dai Laboratori.

TEST TRASPORTO E AUTORIZZAZIONI

“Il 10 ottobre scorso si è tenuto un test di trasporto ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso per l’esperimento Sox. Si tratta di un test di trasporto ‘in bianco’, cioè senza carico” per verificare le procedure di trasferimento.

Test che “si sta svolgendo in ottemperanza a una prescrizione dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), nell’ambito di una autorizzazione ministeriale con parere favorevole” dei ministeri della Salute, dell’Ambiente, del Lavoro, dell’Interno (Protezione civile), dello Sviluppo economico e di Ispra, “e in modo coordinato con le prefetture dell’Aquila e di Teramo”.

PROGETTO

“Si basa sull’utilizzo di un innovativo generatore di antineutrini che lavorerà in tandem con Borexino: un rivelatore di neutrini sensibilissimo grazie alla sua ‘radiopurezza’, ottenuta riducendo la radioattività naturale presente normalmente in tutti i materiali, e grazie alla sua collocazione sotto i 1400 metri di roccia del massiccio del Gran Sasso, che lo schermano dalla pioggia di raggi cosmici”.

OBIETTIVO

Il lavoro di Borexino in tandem con Sox ha l’obiettivo di provare l’esistenza di un nuovo tipo di neutrino: il neutrino sterile, la cui scoperta darebbe un importantissimo contributo per la conoscenza della natura.

GENERATORE NEUTRINI SOX

“Il generatore di neutrini Sox, in fase di costruzione in Russia sulla base delle più aggiornate tecniche - si legge nella scheda - sarà schermato da uno scudo di oltre due tonnellate di tungsteno. Questo scudo, fabbricato appositamente per Sox, garantisce la totale protezione per le persone e per l’ambiente”.

L’obiettivo di Sox “è produrre solo ed esclusivamente antineutrini”.

SICUREZZA

“Il generatore - scrivono i Laboratori - è totalmente sicuro anche in caso di incidenti di trasporto o incendi, come previsto dalle norme internazionali in materia” e “nessuna esposizione durante il periodo di attività dell’ esperimento è dunque possibile, né per il personale dei Laboratori, né tantomeno per la popolazione e l’ambiente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

ALTRE NOTIZIE


ACCADEMIA DELLE SCIENZE D’ABRUZZO, EVENTO A MONTESILVANO
SU AMBIENTE, SALUTE E MONDO PRODUTTIVO

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui