• Abruzzoweb sponsor

LANDINI A CHIETI: ''RITARDI DEL GOVERNO SU VERTENZA MERCATONE UNO''

Pubblicazione: 06 luglio 2019 alle ore 13:43

Maurizio Landini

CHIETI "Ci sono stati dei ritardi e degli errori molto gravi anche da parte del governo, è evidente che per noi la partita è ancora aperta, è stata riconosciuta la cassa integrazione, c'è un problema di come si calcolano le ore e noi stiamo chiedendo che si torni all'orario pieno, non agli orari ridotti che erano legati a questa esperienza drammatica e disastrosa che si è rivelata alla fine e poi c'è il problema oltre alla cassa integrazione di non chiudere la vicenda e di ragionare, non solo per Chieti, ma per tutta Italia, di come si dà continuità a questa esperienza e quindi di come si possono trovare soluzioni industriali che utilizzino al massimo questo marchio e questa capacità dei lavoratori".

Lo ha detto oggi a Chieti il segretario generale della Cgil Maurizio Landini a proposito della vertenza Mercatone Uno a margine della tavola rotonda organizzata per celebrare i cento anni della camera del lavoro della Cgil teatina che si tiene nella sede della Camera di commercio di Chieti Pescara.

"Salvare le vite non è un reato e dall'altra parte basta fare campagna elettorale - ha aggiunto Landini -: ci sono i problemi delle persone che vanno affrontati e risolti. Ci hanno fatto credere che saremmo un paese invaso quando in realtà siamo un paese di evasori e quando il problema non è chiudere i porti, ma evitare che i giovani italiani se ne vadano via dal nostro Paese: credo che bisogna smetterla".

"Come Cgil, Cisl e Uil in questi mesi ci siamo mobilitati - ha spiegato - siamo scesi in piazza e stiamo facendo delle proposte precise, stiamo chiedendo di cambiare le politiche economiche e sociali di questo Governo perché non stanno rispondendo alle esigenze che le persone hanno: la precarietà c'è ancora, la ripresa non c'è, abbiamo evitato per fortuna un'infrazione europea ma c'è bisogno di cambiare. Come è noto la flat tax così come l'hanno descritta fino a oggi non ci convince perché per noi bisogna fare una vera riforma fiscale che abbassi le tasse a chi le paga, lavoratori dipendenti e pensionati, combatta davvero l'evasione fiscale e allo stesso tempo in un paese dove come dice la banca d'Italia la ricchezza patrimoniale è quattro volte e mezzo il debito pubblico e questa ricchezza è concentrata al 50 per cento nel 10 per cento delle persone, bisogna andare a prendere i soldi dove sono per fare gli investimenti e creare lavoro".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui