LAVORO: MARCOZZI (M5S), ''L'ABRUZZO DI D'ALFONSO SI CONFERMA PESSIMO''

Pubblicazione: 08 novembre 2017 alle ore 20:43

Sara Marcozzi

PESCARA - “Ennesimo campanello d’allarme per la nostra regione. Questa volta è lo studioso Aldo Ronci a srotolare i pessimi risultati raggiunti dal governo di Luciano D’Alfonso”.

È ancora una volta polemica Sara Marcozzi, consigliere regionale del Movimento 5 stelle, nei confronti del governo regionale di centrosinistra guidato dal piddino D’Alfonso, dopo il negativo rapporto Svivez sul pil d’Abruzzo, unica regione ad avere segno meno tra quelle del sud Italia, pubblicato ieri e sul quale si sono scatenate visioni contrapposte.

“Lo studio di Ronci - afferma la Marcozzi - infatti, prende in considerazione il triennio 2014-2016.  In questo triennio sono oltre 11 mila gli abruzzesi che hanno deciso di lasciare la nostra regione per cercare fortuna altrove, il triplo rispetto alla media nazionale. Un vero è proprio esodo”.  

“La situazione delle imprese è allarmante - prosegue l’esponente penta stellata - nel corso di questo triennio, perse 2.425 imprese, il triplo rispetto alla media nazionale. La politica economica di questo governo regionale è attenta solo alle esigenze delle poche grandi imprese”.

“Sia chiaro, è importante essere vicini alle necessità dei grandi insediamenti industriali - precisa quindi - ma va pianificata una seria azione a supporto delle piccole e medie imprese che soffrono, da oltre un decennio, gli effetti della crisi. Abbiamo più volte avanzato proposte alla maggioranza, tutte cadute nel vuoto”. 

Secondo la Marcozzi, l’economia d’Abruzzo “si regge sul lavoro delle piccole e medie imprese e non deve essere dimenticato che sono proprio queste le maggiori contribuenti del Paese, dal momento che molte grandi imprese dislocano le proprie sedi legali all’estero e non pagano le altissime tasse italiane. Unico dato positivo è quello dell’aumento del livello delle esportazioni che sono aumentate in valore assoluto, e ciò non può che farci piacere. Si evidenzia, però, che il vero traino delle esportazioni è il comparto dell’automotive. L’Abruzzo ha bisogno di valorizzare le virtuose realtà locali e metterle in condizioni di vincere le sfide sul mercato internazionale”.

“Lo studio - spiega poi la grillina - mette a nudo anche il tonfo del governatore sugli occupati. Infatti, dal quarto trimestre 2013 al quarto trimestre 2016 in Abruzzo sono andati persi 15 mila posti di lavoro. Anche in tema di occupazione abbiamo avanzato proposte (inascoltate) per far ripartire il mercato del lavoro ed è evidente che tutte le iniziative ‘spot’ che questa giunta regionale ha intrapreso, attraverso l’impiego dei fondi europei, si sono rivelate mere azioni di propaganda, carenti di qualsivoglia visione e lontane anni luce dai principi della programmazione strutturale”. 

“Con queste premesse, il risultato non poteva che essere deludente, come è stato - commenta ancora - La situazione di stagnazione, che da un decennio interessa la nostra regione, andrebbe combattuta con un’azione decisa e di grandi proporzioni”. 

Ad esempio, per Sara Marcozzi, “una misura potrebbe essere rappresentata da un ‘patto con le imprese’ finalizzato a diminuire le ore di lavoro pro-capite per aumentare il numero complessivo dei lavoratori, a salario invariato e senza perdite o costi aggiuntivi per le imprese che potrebbero essere sostenute attraverso incentivi strutturali sia statali che regionali. Il M5S ha realizzato ‘Lavoro2025’, uno studio presentato qualche mese fa alla Camera dei Deputati, che evidenzia come, nel prossimo futuro, complice l’implementazione delle macchine e dei robot nei processi lavorativi, il numero complessivo dei lavoratori tenderà a scendere vertiginosamente”. 

“L’unica soluzione praticabile - dice a tal proposito - lavorare meno, lavorare tutti. In questi anni è mancata una programmazione a livello centrale sulle politiche del lavoro e le iniziative ‘Obiettivo lavoro’, ‘Garanzia giovani’, ‘Garanzia Over’, oltre ad essere totalmente slegate l’una dall’altra si sono dimostrate un autentico flop. E i numeri ce lo confermano”.

“Il presidente D’Alfonso in campagna elettorale, tra una promessa e l’altra,  aveva annunciato 100 mila nuovi posti di lavoro. La drammatica realtà è che, a distanza di tre anni e mezzo dal suo insediamento, l’Abruzzo ha perso 15 mila posti di lavoro. Dubito fortemente che, in questo ultimo scorcio di legislatura, D’Alfonso creerà 115 mila nuove posizioni!  La sua credibilità agli occhi del popolo abruzzese si è oramai esaurita”, chiude. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

PIL ABRUZZESE E' IL PEGGIORE DEL SUD ITALIA: RAPPORTO SVIMEZ, UNICO CON SEGNO MENO

L'AQUILA -  L'Abruzzo è l'unica regione del sud Italia i cui dati economici sono peggiorati rispetto alle altre. Questo il succo per la nostra regione del rapporto Svimez 2017 divulgato oggi, secondo il quale il pil dell'Abruzzo... (continua)

PIL ABRUZZO IN CALO, PER LOMBARDO (UIL) ''E' REGIONE POCO COMPETITIVA''

PESCARA - "Una regione poco attraente e competitiva, alle prese con un'insicurezza di fondo e che, dunque, ha bisogno di una spinta decisa per tornare a crescere in maniera solida e costante". Questo un passaggio dell'analisi di... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui