LAVORO: PEZZOPANE, ''RICATTO INTECS INACCETTABILE, NON SIAMO BANCOMAT''

Pubblicazione: 17 ottobre 2017 alle ore 16:19

Stefania Pezzopane

L’AQUILA - “Le istituzioni non sono ‘bancomat’, i licenziamenti Intecs sono inaccettabili”.

L’accusa di “ricatto” arriva dalla senatrice aquilana del Partito democratico Stefania Pezzopane, che ha presentato un’interrogazione parlamentare sul tema.

“Dalle notizie pubblicate oggi su un quotidiano online dell’Abruzzo, la Intecs Solution spa avrebbe licenziato i dipendenti dell’Aquila per poi verificare la situazione di una parte di essi, qualora ci fosse una sorta di attenzione sulle proposte di finanziamento presentate alla Regione - riepiloga la Pezzopane - Brutta cosa: dalle dichiarazioni del manager di Intecs, riportate dai media, sembrerebbe in atto una sorta di pressione e di ricatto nei confronti delle istituzioni regionali”.

Per la senatrice, “la Regione deve infatti valutare a breve 3 progetti di ricerca presentati da associazioni temporanee di impresa in cui figura anche l’azienda: se passano, bene, altrimenti si proseguirà con la chiusura. È questo il senso delle parole pronunciate dall’amministratore delegato e direttore generale di Intecs Marco Casucci, in un audio in possesso dei media?”.

“Si tratta di dichiarazioni allucinanti, perché la preoccupazione per i lavoratori è tanta e le istituzioni non sono un bancomat - prosegue - I ricercatori usati come scudo umano per ottenere risorse pubbliche? Su questa vicenda ho presentato un’interrogazione parlamentare”.

La Intecs, ricostruisce la Pezzopane, ha comunicato all’assessore regionale Giovanni Lolli la volontà di dismettere il laboratorio dell’Aquila e, senza neppure avvisare le Rsu, ha avviato la chiusura del sito.

Anche secondo la Cgil, il management della società non ha utilizzato le effettive potenzialità del laboratorio di ricerca, sfruttando solo il mercato e gli ammortizzatori sociali, senza innovazione di sorta, fino al momento attuale.

Considerando che l’azienda partecipa al tavolo di confronto e di programmazione della Regione sui percorsi d’innovazione tecnologica e che in associazione temporanea d’impresa con altre aziende ha presentato progetti con richieste di finanziamento che attengono ai bandi per l’assegnazione dei fondi Por Fesr 2014-2020, le dichiarazioni dell’ad rese note dai media meritano un chiarimento istituzionale urgente.

“Al governo chiedo un intervento perché convochino l’azienda per capire le intenzioni e le ragioni della chiusura del sito aquilano e per capire come stanno operando i vertici di quest’azienda, visto che in gioco c’è il destino di oltre 60 ricercatori e di altri lavoratori e delle loro famiglie e anche di un pezzo di industria innovativa della regione e del Paese”, conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui