MALTEMPO: NUOVA ONDATA DI
PIOGGIA NEL POMERIGGIO, A
CHIETI SI CONTANO I DANNI

Pubblicazione: 23 giugno 2018 alle ore 10:16

di

L’AQUILA - Strade impraticabili completamente invase dall'acqua, macchine bloccate nei sottopassaggi, tombini saltati, pian terreni, garage, abitazioni private e attività commerciali allagati, centralini dei Vigili del fuoco e delle Forze dell’ordine in tilt e difficoltà negli spostamenti anche per i soccorsi.

Secondo quanto riportato da Meteo Chieti Abruzzo, sono caduti più di seimila fulmini su buona parte della provincia di Chieti e aree orientali del Pescarese. 

Si contano i danni all’indomani dell’ondata di maltempo che si è abbattuta su tutto l’Abruzzo, mettendo in ginocchio la provincia di Chieti e in particolare il comune di Lanciano, il cui centro storico, ieri sera, è stato totalmente inondato dall’acqua, arrivando a toccare picchi di oltre un metro. 

Smottamenti e allagamenti si sono registrati ieri pomeriggio anche a Penne (Pescara), mentre nel teramano è stato chiuso il sottopasso A14 fra Casoli e Scerne; un forte temporale si è abbattuto nella notte anche all’Aquila, dove però non si sono registrati particolari disagi e criticità.

Non arrivano buone notizie dal meteo, per la giornata di oggi, infatti, si prevedono ancora rovesci e nubifragi nella zona di Chieti, soprattutto nel tardo pomeriggio, mentre domani la situazione dovrebbe attenuarsi gradualmente.

CHIETI

La zona di Lanciano è stata quella più colpita. Nel tardo pomeriggio di ieri è stato fatto evacuare il centro commerciale “Lanciano” (Pianeta), nei pressi della Statale 84, per via dell'acqua che ha invaso corridoi e negozi. Il centro storico è stato attraversato da un fiume di acqua, che ha creato gravi disagi ai seminterrati e ai pian terreni delle abitazioni, ma a pagare il prezzo più caro sono state le attività commerciali, molte delle quali oggi resteranno chiuse per pulire il fango e i detriti all’interno e fare l’inventario per la conta dei danni. Per cercare di limitare i danni e provvedere a far defluire l'acqua sono intervenute diverse pattuglie della Polizia municipale, Polizia di Stato, Carabinieri e Vigili del fuoco.

Un milione di euro è la prima immediata stima dei danni causati dal violento nubifragio, cifra destinata ad aumentare quando i privati presenteranno i loro conti. Il sindaco Mario Pupillo,  su proposta del resaponsabile della Protezione civile, Fauso Boccabella, ha attivato il Coc (Centro operativo comunale), attivando tre funzioni: Tecnica, Viabilità, Volontariato. Da lunedì si procederà alla valutazione dei danni, al fine di rappresentare al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, la necessità di richiedere alla Presidenza del Consiglio dei ministri, la dichiarazione di stato di emergenza. Allagamenti anche alla Sevel di Atessa, dove la produzione si è bloccata, con gli operai intenti a far defluire l'acqua fuori dallo stabilimento.

Al momento l'emergenza sembra rientrata, anche se nel pomeriggio sono previsti ancora temporali sulla zona (fonte www.3bmeteo.com) e, come spiegano dal Comando provinciale dei Vigili del fuoco, la pioggia è cessata, adesso è tempo di verificare eventuali danneggiamenti.

Danni anche lungo la costa, con balneatori e titolari di strutture ricettive preoccupati anche dall'erosione delle spiagge.

"Il litorale abruzzese è alle prese da ore con una nuova forte mareggiata, che va ad aggiungersi a quelle degli ultimi mesi, accentuando nuovamente il dislivello delle quote altimetriche della spiaggia". A segnalarlo è il presidente del Sib-Confcommercio, Riccardo Padovano, che invoca "interventi unitari lungo tutta la costa" da parte della Regione Abruzzo "chiamata alla responsabilità".

"In numerosi punti del litorale - aggiunge Padovano -, la situazione è critica sulla costa. Il crescente fenomeno dell'erosione è oltremodo preoccupante, soprattutto nella zona di Silvi Sud, ed in più punti del litorale di Francavilla al Mare (Chieti)".

"Particolarmente in apprensione i balneari di Francavilla alle prese con ingenti danni e criticità - sottolinea -. Qui le spiagge sono state letteralmente spazzate via. A Silvi, invece, la mareggiata ha eroso la pochissima spiaggia rimasta ed ha lambito le abitazioni", conclude Padovano.

PESCARA

Situazione critica anche nelle frazioni e contrade di Penne, tra cui San Salvatore e Baricelle, hanno subito allagamenti e l'acqua ha invaso garage e scantinati.

Paralizzate alcune strade comunali a causa di esondazioni di torrenti. In località Ponte di Sant'Antonio, invece, una colata di fango ha invaso la strada statale 81 e, secondo quanto riportato dai tecnici, è stato necessario sospendere la circolazione prima di ristabilire la viabilità.

La Protezione civile comunale, coordinata dal delegato Antonio Baldacchini, e la Polizia Municipale, stanno monitorando anche le frane attive sul territorio, soprattutto nella zona di Collalto, e portando assistenza alla popolazione.

Diverse le segnalazioni pervenute al distaccamento dei Vigili del Fuoco di Penne.

“Stiamo monitorando il territorio e le aree dove sono in evoluzione fenomeni di dissesto idrogeologico”, ha detto il delegato comunale alla protezione civile, Antonio Baldacchini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

MALTEMPO: LANCIANO IN GINOCCHIO, OLTRE UN METRO DI ACQUA NELLE CASE, E' EMERGENZA

di Azzurra Caldi
LANCIANO - Strade, garage, pian terreni e sottopassaggi completamente invasi dall'acqua, che in alcune zone ha superato il metro, attività commerciali e case private allagate, traffico completamente bloccato e centralino dei vigili del fuoco in tilt,... (continua) - Fotogalleria

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui