MALTEMPO: OLTRE 40 MILA CANI A RISCHIO PER IL FREDDO, L'APPELLO DELL'AIDAA

Pubblicazione: 28 febbraio 2018 alle ore 10:50

L'AQUILA - Nei giorni scorsi l'Associazione nazionale a difesa degli animali e dell'ambiente aveva lanciato l'appello per i 5 mila cani che vivono per strada con i clochard, che sono a rischio a causa del freddo improvviso di questi giorni, ma in pericolo ci sono oltre 40 mila animali, ospitati nei canili pubblici e privati italiani, che per la loro età avanzata potrebbero non resistere a temperature troppo rigide.

"Sono 5 mila i cani che hanno piu di dieci anni e che ogni anno muoiono per malattie o per vecchiaia dentro ai canili e ai rifugi italiani - spiega Lorenzo Croce presidente nazionale di Aidaa - e in questi giorni particolarmente freddi il rischio per i pelosi anziani aumenta".

"Per questo invitiamo a prediligere le adozioni di cani anziani, ci rendiamo conto che sarà difficile per molti di loro uscire,allora invitiamo le persone a donare ai canili ed hai rifugi coperte e cibo riservato ai cagnoni anziani".

"Ovviamente - conclude Croce - non andando alla cieca ma facendo donazioni concordate in base alle necessità coi volontari e con chi gestisce i canili e  in casi specifici con il parere preventivo dei veterinari che si occupano della salute dei cagnoloni".

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui