MASSO SU STATALE 577, DOPO
IL TERREMOTO A CAMPOTOSTO
E' EMERGENZA VIABILITA'

Pubblicazione: 07 gennaio 2018 alle ore 16:43

Il masso sulla statale 577

CAMPOTOSTO - Il Comune di Campotosto (L'Aquila), colpito dai terremoti del 2009 e poi del 2016 e 2017, non è solo alle prese con il post-sisma ma anche con l'emergenza viabilità: dopo la chiusura della strada provinciale 2 che va da Aringo di Montereale a Campotosto, ora la statale 577 "unica alternativa sicura vero la città di L'Aquila" è ostruita da un masso.

Lo segnala il vice-portavoce comunale di L'Aquila e membro dell'assemblea nazionale di Fratelli d'Italia, Mauro Caradonna, in una nota.

"Chiediamo un intervento serio sul territorio - spiega -. Il territorio di Campotosto è da tempo martoriato dagli eventi sismici 2009, 2016 e 2017 che hanno distrutto la bellezza di questo paese. Ora si aggiunge anche la piaga delle strade, dopo la chiusura della sp2 che va da Aringo di Montereale a Campotosto la ss577 é l'unica alternativa sicura vero la città di L'Aquila. Chiediamo non solo di provvedere prontamente alla rimozione del masso sulla strada statale ma anche un monitoraggio che preveda eventi di questo genere".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui