MAXI OPERAZIONE IN VENETO,
SCAGIONATO L'ABRUZZESE

Pubblicazione: 13 novembre 2017 alle ore 12:08

CHIETI - È uscito dalla maxi inchiesta della procura della Repubblica di Vicenza, relativa a un giro di aziende “cartiere” al fine di evadere le imposte con operazioni inesistenti per quasi 1 miliardo di euro, l’abruzzese Giancarlo De Fanis, di Chieti, ma residente da anni in Svizzera, che nelle ipotesi accusatorie veniva considerato il gestore dei conti correnti.

Le indagini hanno portato alla luce un complesso giro di società, tra Italia e mezza Europa, molte delle quali inesistenti o usate solo per girare nominalmente la merce, dagli ultimi prodotti hi-tech, come tablet o televisori, a materie alimentari d’uso comune, come zucchero o farine.

Il tutto finalizzato all’emissione di fatture false per circa 1 miliardo e frodare il fisco per 130 milioni.

A mettere le mani su questa aggrovigliata matassa la Guardia di Finanza di Vicenza attraverso indagini che, nell’ottobre 2016, hanno portato all’emissione, da parte del giudice per le indagini preliminari Massimo Gerace di 29 provvedimenti cautelari, 18 in carcere e 11 ai domiciliari, e a denunciare a piede libero oltre 200 persone in giro per l’Italia e all’estero.

Le indagini preliminari sono ancora in corso. Il 7 novembre successivo, comunque, per De Fanis è stata disposta la revoca della custodia cautelare in carcere da parte del gip Gerace su istanza dell’avvocato dell’uomo, Giuseppe Cantagallo, dopo che il tribunale del Riesame vicentino aveva annullato l’ordinanza complessiva per tutti gli indagati a causa di un vizio di forma.

Inoltre, qualche giorno più tardi i magistrati italiani hanno chiesto il dissequestro di oggetti, documenti e immobili in Svizzera di proprietà di De Fanis.

A oggi nei confronti di quest’ultimo non risultano carichi pendenti pertanto la sua posizione nella maxi inchiesta veneta è stata archiviata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui