L'AQUILA: LA SEDE DISTACCATA DEL MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
POTREBBE ESTENDERSI ALL'EX CONVENTO SU CORSO VITTORIO EMANUELE

MAXXI: PALAZZO ARDINGHELLI NON BASTA PIU',
OPERE A SANTA MARIA DEI RACCOMANDATI

Pubblicazione: 20 luglio 2016 alle ore 08:30

Palazzo Ardinghelli
di

L’AQUILA - Manca ancora più di un anno all’apertura del museo di arte contemporanea Maxxi all’Aquila e già si vocifera di un suo possibile ampliamento e addirittura dell’apertura di un ulteriore spazio museale di cui ancora non si hanno dettagli. 

È stato il sindaco, Massimo Cialente, a lasciarsi sfuggire l’anticipazione durante l’incontro di presentazione del progetto Urban Center, in occasione del Festival della partecipazione.

Nel suo intervento Cialente ha sottolineato, tra l’altro, la necessità di arrivare ad un centro storico pedonalizzato e ricco di attrattive.

“L’idea di centro storico che abbiamo è quella di un luogo nel quale ristoranti e bar devono avere la possibilità di mettere i dehors, i tavolinetti all’aperto. Come succede, per dire, a Lipsia o a Bruxelles. Un centro pedonalizzato e pieno di una serie di attività – ha affermato il primo cittadino – come il museo Maxxi ad esempio. Già stiamo pensando che palazzo Ardinghelli non sarà sufficiente per contenerlo e c’è l’ipotesi di spostarne una parte nell’ex convento di Santa Maria dei Raccomandati, lungo il corso stretto, ex sede del museo civico”.

“C’è inoltre la possibilità di aprire un altro museo – svela Cialente – di cui non faccio il nome. Un museo importante che si stanno litigando tutti e magari, tra i tanti litiganti, arriviamo noi e la spuntiamo”.

Quello del convento ottocentesco di Santa Maria dei Raccomandati, dopo i gravi danni subiti nel sisma del 2009, è uno dei grandi cantieri dell’asse centrale in attesa di partire e soprattutto in attesa dell’arrivo dei fondi Cipe necessari alla ristrutturazione, insieme al secondo lotto del cinema Massimo.

Per il progetto di restauro del complesso, che ospitava il museo civico prima del sisma e che decenni fa è stato anche sede del Comune, una proposta di “adozione” era giunta dall’Argentina.

Il museo Maxxi L’Aquila, invece, è stato pensato come proiezione del Maxxi Roma e sarà affidato alla gestione della fondazione omonima.

Il settecentesco palazzo Ardinghelli, restaurato nel post sisma grazie ad un finanziamento del Governo della Federazione Russa per 7 milioni e 200mila euro, ha incontrato il favore del ministro ai beni e le attività culturali Dario Franceschini e della presidente della fondazione Maxxi, l'ex ministro Giovanna Melandri, proprio per la sua preziosità e per la sua centralità.

Tra gli artisti contemporanei le cui opere saranno esposte nelle sale di palazzo Ardinghelli, potrebbe esserci anche l’abruzzese di fama internazionale Ettore Spalletti che, come anticipato da questo giornale, ha manifestato l’intenzione di donare una sua opera alla collezione del Maxxi Aq.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

UN'OPERA DEL MAESTRO SPALLETTI AL MAXXI DELL'AQUILA, LA MATTIROLO VERSO LA DIREZIONE DEL MUSEO

L’AQUILA – La futura sede dell'Aquila del Maxxi di Roma (Museo delle arti del XXI secolo) potrebbe avere tra le opere che andranno a formare la collezione di arte contemporanea, anche una preziosa realizzazione del maestro abruzzese Ettore Spalletti. L’artista di fama internazionale,... (continua)

MUSEO MAXXI ALL'AQUILA: SOPRALLUOGO MELANDRI A PALAZZO ARDINGHELLI

L'AQUILA - Sopralluogo oggi a palazzo Ardinghelli all'Aquila della presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri, e del direttore Pietro Barrera, accompagnati nella visita dal segretario regionale dei Beni culturali Berardino Di Vincenzo e dalla soprintendente unica... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui