NAS NELLE LOCALITA' SCIISTICHE ABRUZZESI:
ATTIVITA' SOSPESE E PRODOTTI SEQUESTRATI

Pubblicazione: 10 aprile 2018 alle ore 13:32

L'AQUILA - Sospensione di quattro distinte attività, un laboratorio di produzione di prodotti da forno “abusivo” e sequestro di numerose conserve alimentari e prodotti di vario genere “non tracciati” o “non conformi alle norme igienico-sanitarie”.

Sono i dati del primo trimestre del 2018 dei Carabinieri del  nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Pescara, diffusi dall’Arma.

I militari hanno ispezionato esercizi di ristorazione e servizi di primo soccorso situati nelle località sciistiche abruzzesi.

Sul massiccio montuoso della Majella, al confine tra le province dell'Aquila, Chieti e Pescara, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo conserve alimentari, distillati e prodotti carnei freschi e congelati, detenuti e pronti per essere preparati e somministrati, in assenza di informazioni utili alla loro rintracciabilità e carenti di documentazione circa le procedure adottate per il trattamento termico.

Nell’area sciistica del comprensorio “Alto Sangro”, in provincia dell'Aquila: in collaborazione con l'Arma territoriale e il personale del dipartimento di Prevenzione dell’Asl, sono state sospese tre distinte attività per difetto di autorizzazione e/o prive dei requisiti igienico sanitari e strutturali imposti dal cosidetto “pacchetto igiene”.

Nell’area sciistica del comprensorio aquilano “Monte Pratello”: unitamente a personale dell’Asl è stata disposta l’immediata sospensione di un laboratorio di produzione di prodotti da forno “abusivo” e interessato da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.

Al responsabile dell’attività è stato imposto il divieto di commercializzazione di circa 20 chili di prodotti dolciari, poi avviati alla distruzione, poiché privi di schede utili alla loro rintracciabilità e prodotti in locali abusivi e fatiscenti, sono state rilevate inoltre carenze igieniche, difformità nelle procedure di tracciabilità degli alimenti e mancanza di informazioni riguardanti gli allergeni in un esercizio di ristorazione.

All’interno dell’area sciistica aquilana “Altipiano delle Rocche”, poi, unitamente a personale dell’Asl, i carabinieri del Nas hanno ordinato la sospensione di un’attività di vendita al dettaglio e deposito di prodotti ortofrutticoli, per le pessime condizioni igienico sanitarie e strutturali dei locali, oltre che per l’assenza di notifica all’autorità competente. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui