A FARA IN SABINA NEL LAZIO RIFIUTI, STRADE, E ILLUMINAZIONE AD AVR GROUP
CON RISPARMIO ENERGETICO E RACCOLTA DIFERENZIATA IL COMUNE CI GUADAGNA

OLTRE PUBBLICO E PRIVATO, COME FUNZIONA
GLOBAL SERVICE PREMIATO DA FORUM PA

Pubblicazione: 19 luglio 2017 alle ore 07:20

L'AQUILA - Un Comune che ha risolto il problema della gestione dei servizi di igiene urbana, della raccolta differenziata, della manutenzione delle strade, del verde e dell’illuminazione, attraverso un global service privato.

Riuscendo così ad abbattere le spese, aumentare l’efficienza, invece di rimetterci come spesso può avvenire con le cattive privatizzazioni di servizi essenziali, o al contrario attraverso una gestione in house, dove servizi importanti per i cittadini vengono non poche volte affidati a persone scelte non per la competenza, ma per l’appartenenza politica. 

Questa terza via non è percorsa però in un comune abruzzese, ma nel vicino Lazio, a Fara in Sabina, cittadina in provincia di Rieti, di quasi 14 mila abitanti, che a maggio scorso nella Nuvola di Fuxas a Roma ha vinto il “Premio best practice patrimoni pubblici 2017”, conferito da Patrimoni PA net, in collaborazione con Forum Pa e Terotec.

Il premio, è stato ritirato da Davide Basilicata, sindaco di Fara in Sabina, Pietro Nardecchia e Alessio Incorvati, rispettivamente direttore tecnico e responsabile del servizio di Global Service di AVR S.p.A., società privata protagonista di questa innovativa partnership, e di cui Abruzzoweb si è già occupato nel raccontare la tecnologia del soilwashing con cui AVR,  nel suo impianto di Guidonia Montecelio, riesce a raccogliere, trattare e differenziare tonnellate di rifiuti provenienti dallo spazzamento stradale, che altrimenti andrebbero a finire nelle discariche.

Il Global Service di Fara in Sabina è una buona pratica che può interessare anche l’Abruzzo, dove le società partecipate da enti pubblici, regione e comuni in primis, sono oltre 140, non poche indebitate e oggetto di contestazione per la scarsa efficienza dimostrata.

Tenuto conto poi che, dal 27 giugno è entrato in vigore il decreto del ministro Marianna Madia, in base al quale dovranno essere sciolte le società che hanno fatto registrare quattro esercizi in perdita negli ultimi cinque anni, quelle che non svolgono attività strettamente necessarie ai bisogni della collettività, o anche prive di dipendenti o con un numero di dipendenti inferiore a quello degli amministratori.

"Il Global Service del Comune di Fara in Sabina – entra nel merito Alessio Incorvati - è stato avviato nel novembre 2015, quando il Comune ha scelto di impegnarsi nel riconoscere ad AVR un compenso di 13 milioni e 326 mila europer i sette anni successivi, durante i quali l’azienda si è impegnata, in base ad un rigoroso contratto di servizio a tutela di entrambe le parti, a svolgere il servizio di: igiene urbana, raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti, manutenzione delle strade, gestione e manutenzione degli impianti di illuminazione, delle aree verdi, degli immobili e degli impianti termici di proprietà comunale".

Il Comune non dovrà quindi più pensare alla gestione diretta del patrimonio pubblico, riducendo drasticamente i bandi per esternalizzare i servizi a più ditte, risparmiando il 20 per cento rispetto alla spesa storica e rivolgendosi ad un unico gestore per garantire tutti i servizi. Il Global Service infatti garantisce interventi di qualità a fronte di una proposta economicamente e organizzativamente vantaggiosa, grazie alle economie di scala che una grossa realtà riesce a garantire. Il privato inoltre, ha tutto l’interesse a minimizzare il dispendio economico facendo investimenti mirati, visto che, come prevede l’accordo, le bollette arrivano direttamente all’azienda che svolge il servizio.

"In particolare - tiene a sottolineare Incorvati - se vogliamo fare un esempio, un intervento che ha permesso la riduzione del consumo energetico e un risparmio del 50 per cento, è stato quello di sostituzione delle vecchie lampade dei lampioni stradali con lampade a led. Da questo esempio è possibile capire come Fara in Sabina sostiene una spesa decisamente ridotta nella gestione dell’ illuminazione pubblica, rispetto alla tariffa stabilita all’inizio nel contratto, mentre AVR beneficia dell’investimento attraverso la riduzione dei costi dovuti all’efficientamento energetico. Se si considera che il risparmio dell’energia elettrica è stato quantificato dal Comune per un valore di oltre 100 mila euro annui e che il contratto di Global Service relativo all’illuminazione pubblica, ha una durata di venti, è possibile valutare chiaramente il valore aggiunto del servizio proposto da AVR”.

Traguardi positivi anche per l’igiene urbana, prosegue Incorvati, visto che “la raccolta differenziata porta a porta è in continua crescita, i dati indicano il 64 per cento, per un totale di 5.900 utenze domestiche servite. Non dimentichiamo poi l’impianto di Guidonia Montecelio che incide nella raccolta differenziata dei rifiuti provenienti dallo spazzamento stradale, minimizzando i rifiuti conferiti in discarica”.

“Il Global Service – dichiara poi il sindaco di Fara in Sabina, Davide Basilicata - costituisce un progetto innovativo, una vera e propria rivoluzione nel sistema di gestione dei servizi offerti e fruiti dal cittadino, che attraverso l’integrazione di una serie di migliorie apportate, e la garanzia di qualità ed efficienza, ci hanno consentito di conseguire ottimi risultati, nell’ambito della manutenzione globale del nostro patrimonio".

A contribuire al buon funzionamento dei servizi di Global Service, sono gli stessi cittadini, che con l’app Comuni-Chiamo, possono segnalare personalmente ed in qualsiasi momento tutte le criticità di cui sono testimoni, come il mancato ritiro dei rifiuti, le buche in strada e i lampioni non funzionanti. Le segnalazioni sono gestite in tempo reale dagli operatori che seguono l’intervento live e che controllano di continuo la qualità ed efficienza del servizio reso (f.t.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

RIFIUTI STRADALI CHE VANNO IN DISCARICA, A GUIDONIA UN'ALTERNATIVA PER L'ABRUZZO

di Filippo Tronca
L’AQUILA - Che fine fanno le tonnellate e tonnellate di rifiuti da spazzamento delle strade, composte da inerti, vegetali, cartacce, plastica e mozziconi di sigaretta? In Abruzzo, vanno a intasare le discariche ancora a disposizione come rifiuto... (continua) - VIDEO  

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui