OMICIDIO PAVONE: PG CASSAZIONE
CHIEDE CONFERMA CONDANNA

Pubblicazione: 11 ottobre 2017 alle ore 16:11

PESCARA - Il pg della Cassazione, questa mattina a Roma, ha chiesto la conferma della condanna a 19 anni di reclusione, emessa in appello, per Vincenzo Gagliardi, l'impiegato delle poste responsabile dell'omicidio dell'ingegnere informatico Carlo Pavone, colpito con un colpo di fucile, sotto casa a Montesilvano (Pescara), il 30 ottobre del 2013 e morto il 16 novembre del 2014, dopo un anno di coma. 

Il procuratore generale ha dunque chiesto il rigetto del ricorso presentato dal procuratore generale della Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila, Romolo Como, sostenendo che "non c'è la prova, oltre ogni ragionevole dubbio, che Gagliardi abbia premeditato omicidio".

L'imputato era stato condannato dal gup del tribunale di Pescara a 30 anni di reclusione, pena poi ridotta dalla Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila a 19 anni, per l'esclusione dell'aggravante della premeditazione.

Gli avvocati Massimo Galasso e Marino Di Felice, che assistono i fratelli della vittima, parti civili nel processo, hanno invece chiesto il rigetto del ricorso presentato dai difensori di Gagliardi e l'accoglimento di quello di Como.

La decisone dei giudici è attesa in serata



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui