• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

OMICIDIO RAPPOSELLI: SANTOLERI ACCUSA IL FIGLIO, ''E' STATO LUI''

Pubblicazione: 05 ottobre 2018 alle ore 13:25

GIULIANOVA - "È stato mio figlio a uccidere Renata. Ed è stata sua l’idea di portare il cadavere fino a Tolentino".

È questo il nocciolo della confessione che lunedì scorso Giuseppe Santoleri avrebbe reso al pm teramano Enrica Medori, titolare del fascicolo aperto per omicidio volontario e distruzione di cadavere, reati contestati in concorso e con l’aggravante del legame di parentela con la vittima, la pittrice Reny Rapposelli

Le dichiarazioni spontanee dell’ex marito della vittima, riportate mercoledì sera dalla trasmissione Chi l’ha visto?, sono arrivate dopo il confronto tra Giuseppe, recluso nel carcere di Castrogno, e altri detenuti. A loro, l’ex marito di Renata avrebbe ammesso il coinvolgimento totale del figlio Simone nel delitto della 63enne morta il 9 ottobre a Giulianova.

La sessantaquattrenne, originaria di Chieti, era scomparsa nel nulla il 9 ottobre 2017 da Giulianova, in provincia di Teramo. Ad allertare gli inquirenti erano stati gli amici della pittrice che, preoccupati per la sua assenza, avevano iniziato a cercarla.

A qualcuno di loro la donna aveva raccontato di doversi recare a Giulianova per andare a trovare il figlio gravemente malato. In poco tempo, così, gli inquirenti hanno cercato di ripercorrere gli spostamenti di Renata Rapposelli e, indagine dopo indagine, hanno capito che qualcosa non quadrava. Senza tralasciare alcuna pista, Giuseppe e Simone Santoleri sono stati interrogati più volte e la loro auto è stata analizzata dagli esperti della scientifica. 

Quando il corpo senza vita di Renata Rapposelli è stato ritrovato sulle rive del fiume Chienti, a Tolentino, nelle Marche, le indagini hanno iniziato a prendere una sola direzione. Il caos è poi giunto ad una svolta con l'incarcerazione dei due uomini e a quanto pare oggi sono arrivati nuovi sviluppi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui