OMICIDIO VASTO, ATTESA DECISIONE CORTE ASSISE SU FABIO DI LELLO

Pubblicazione: 10 luglio 2018 alle ore 12:16

VASTO - Si sono ritirati in Camera di Consiglio i giudici della Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila per il giudizio a carico di Fabio Di Lello condannato in primo grado a 30 anni di reclusione dalla Corte d'Assise di Lanciano per l'uccisione a colpi di pistola di Italo D'Elisa, 21 anni.

Nel corso dell'udienza, dopo la puntualizzazione di alcuni aspetti tecnici, si è passati all'interpretazione della perizia psichiatrica ripercorrendo lo stato dei fatti di Di Dello a seguito dell'incidente mortale della moglie Roberta Smargiassi che, in sella a uno scooter, fu investita da d'Elisa a Vasto all'incrocio tra corso Mazzini e viale Giulio Cesare.

Il presidente Antonio Catelli ha dato la parola per le repliche alle parti con la richiesta da parte del procuratore generale Pietro Mennini e delle parti civili, per il tramite degli avvocati Gianrico Ranaldi e Pompeo Del Re, della conferma delle ragioni della condanna di primo grado per l'omicidio di Vasto, per le quali il procuratore capo della Repubblica di Vasto Giampiero Di Florio, aveva chiesto l'ergastolo, oltre a non concedere alcuna attenuante a Di Lello stante l'efferatezza del delitto.

I difensori di Di Lello, Giuliano Milia e Pierpaolo Andreoni, hanno rinnovato la richiesta di eliminare la premeditazione e di concedere le attenuanti generiche evidenziando la grave depressione diagnostica del loro assistito durante il periodo detentivo.

La sentenza è attesa per le 15.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui