ORSA PEPPINA E I SUOI CUCCIOLI FANNO STRAGE DI CONIGLI E GALLINE IN AZIENDA AGRICOLA

Pubblicazione: 06 ottobre 2018 alle ore 21:21

SAN PIETRO AVELLANA - Un esemplare femmina di orso bruno marsicano, nota come Peppina, entra con i suoi tre cuccioli in un'azienda agricola di San Pietro Avellana (Isernia) e fa razzia di conigli e galline.

Lo rendono noto i Carabinieri Forestali di Isernia che stanno eseguendo i rilievi, come da protocollo operativo, con relativa repertazione di materiale biologico necessario per le analisi genetiche e l'identificazione dell'esemplare. 

"Nel caso in esame - spiegano i Forestali - si tratta di una giovane femmina, con tre cuccioli al seguito, già censita e meglio conosciuta con il nome 'Peppina'. Si esclude al momento, un pericolo per la pubblica e privata incolumità, atteso che, storicamente, non sono mai state registrate aggressioni da parte dell'orso bruno marsicano nei confronti dell'uomo e che l'indole dell'animale, ufficialmente riconosciuta anche dalla letteratura scientifica è elusiva, mite ed assolutamente non aggressiva. Ma i Forestali raccomandano di non dare cibo all'orso, di non avvicinarsi e se avvistato chiamare il 1515".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui