OSPEDALE CHIUSO PER FERIE
PENNE, STOP AI RICOVERI
LA DENUNCIA DI PETTINARI

Pubblicazione: 12 maggio 2017 alle ore 11:08

PENNE - "Chiuso per ferie, questo diranno ai pazienti che vorranno ricoverarsi all’Ospedale di Penne, in provincia di Pescara, dal 1° giugno fino al 1° settembre. Sembra una barzelletta, ma purtroppo non c’è niente da ridere". 

Così in una nota Domenico Pettinari, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, sulla disposizione Aziendale che nei mesi estivi, per consentire al personale di andare in ferie, come si legge nel testo, ridurrà drasticamente i servizi chiudendo totalmente alcuni reparti. 

"Avevamo detto da tempo che l’Ospedale di Penne avrebbe subìto una simile mortificazione - polemizza Pettinari - e ad oggi con questa disposizione si attua un procedimento che danneggia il territorio e chi lo abita”. A Parlare è Domenico Pettinari, commentando la disposizione Aziendale che nei mesi estivi, per consentire al personale di andare in ferie, come si legge nel testo, ridurrà drasticamente i servizi chiudendo totalmente alcuni reparti".

Si uniscono al consigliere regionale anche i consiglieri comunali di Penne Luca Falconetti, Paola Maria Duttilo e Maurizio Fidanza

"Al di là delle promesse fatte un anno fa in campagna elettorale e durante i primi 11 mesi della nuova amministrazione comunale di Penne nulla è cambiato rispetto al passato. A differenza dei comuni della Val Pescara, i sindaci dell'Area Vestina, in primis Penne, non si stanno battendo per salvare il nostro Ospedale da un continuo e vergognoso smantellamento", il loro commento.

IL RESTO DELLA NOTA

La cosa che più preoccupa è che questa sia una prova generale per una chiusura definitiva e non temporanea. 

Allarmante anche l’invito a recarsi in strutture esterne accreditate, tra cui anche le cliniche private.

Dunque ci troviamo davanti ad un ospedale pubblico che invita i pazienti ad andare in strutture private. Siamo fuori da ogni buona logica. 

Già mesi fa avevamo denunciato la mancata accettazione per i codici rossi nel Pronto Soccorso, oggi un altro triste capitolo per un ospedale che temiamo vada verso l’inesorabile chiusura. 

Per il M5S il presidio di Penne è in una posizione che lo rende necessario: la zona è limitrofa a località montane, ad una grande area interna ed è lontano da altri presidi ospedalieri come Pescara o Chieti, una distanza che in alcuni casi può rappresentare la differenza tra la vita e la morte di un paziente.

L’Abruzzo ha bisogno di una sanità che guardi al territorio regionale come un’unica area su cui garantire un servizio efficace e fruibile, senza pensare a ingiustificati tagli e mastodontiche strutture in aree già servite.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui