PAURA SUL LAGO DI GARDA
PER TRE SCOSSE DI TERREMOTO,
NESSUN DANNO

Pubblicazione: 03 settembre 2017 alle ore 18:39

Il lago di Garda

BRESCIA - Mattinata di paura sulla sponda bresciana del lago di Garda dove la terra ha tremato per tre volte consecutive in modo percepibile, ma non si sono registrati danni nè persone ferite.

Tre e ravvicinate le scosse avvertite.

Alle 11,15 il sisma è stato registrato a Tignale con magnitudo 3.4 e profondità di tre chilometri.

Successivamente tra le 11,18 e le 11,22 l'epicentro è stato invece individuato a Gargnano con due scosse distinte: la prima di magnitudo 2.3 con profondità a cinque chilometri, mentre la seconda di magnitudo 2.2 a quattro chilometri di profondità.

Le tre scosse, di breve durata, sono state avvertite anche a Brescia e nell'Alto Garda trentino.

Le hanno sentite nelle aree di Riva del Garda e Torbole, così come nella Val di Ledro.

Ma soprattutto nei paesi del Garda, come a Salò, dove la gente è scesa in strada e i turisti hanno manifestato preoccupazione. La cittadina gardesana, come tutta l'area dell'Alto Garda, era già stata colpita da una scossa di terremoto tredici anni fa, il 24 novembre 2004, quando circa duemila persone vennero sfollate.

Ma a Salò il terremoto più forte risale a più di un secolo fa: era il 30 ottobre del 1901 quando alle 14,59 quattro scosse in serie dell'ottavo grado della scala Mercalli fecero tremare l'area occidentale del lago di Garda.

Molte furono allora le case distrutte. Quello di oggi è stato il quarto sisma registrato in provincia di Brescia in quest'estate 2017 e non è la prima volta che Gargnano è l'epicentro di un sisma.

Era già infatti accaduto la sera del 4 giugno con una scossa di magnitudo 3.6, percepita chiaramente in tutta la zona del Garda.

Altri eventi nel Bresciano negli ultimi mesi estivi sono stati registrati il 2 agosto a Castegnato e nella zona della Franciacorta con i sismografi dell'Ingv che hanno localizzato una scossa di magnitudo 2.3.

Il 23 luglio la terra aveva invece tremato ad un chilometro a sud est di Gavardo, tra i primi paesi del Garda arrivando dalla città, con intensità 2.6.

Due giorni prima, il 21 luglio, un terremoto di magnitudo 3.6 era stato localizzato a quattro chilometri di San Zeno di Montagna, ad una profondità di 4 km, a 43 km a est di Brescia ed era stato avvertito sulla sponda bresciana e veronese del Lago di Garda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui