PESCARA: MANCA BRACCIALETTO,
53ENNE RESTA IN CELLA E INIZIA
LO SCIOPERO DELLA FAME

Pubblicazione: 30 marzo 2018 alle ore 10:31

PESCARA - Il giudice dispone i domiciliari con il braccialetto elettronico, ma M.P., un pescarese di 53 anni, resta in carcere in attesa di riceverlo perché non è disponibile e senza questo apparecchio non può lasciare il carcere, dove è rinchiuso.

Il 53enne, come racconta Il Centro aspetta dal 19 marzo di scontare gli arresti nella propria abitazione, ma non sapendo quanto dovrà rimanere in cella, ha deciso di iniziare lo sciopero della fame.

L'uomo è stato arrestato il primo marzo per aver aggredito la figlia della sua ex compagna di 14 anni su un autobus.

Dopo una tentata fuga, l'uomo è stato fermato da un finanziere e raggiunto dalla Volante.

A seguito di una perquisizione personale, all'uomo sul quale pendeva già un divieto di avvicinamento alla ex compagna, è stato trovato anche un coltello e per questo è finito nella casa circondariale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui