SVOLTA NELLE INDAGINI A 8 MESI DALL'OMICIDIO: IL 28ENNE SI SAREBBE FATTO GARANTE DEL PAGAMENTO DI UNA COMPRAVENDITA DI UNA PARTITA DI ''FUMO''

PESCARA: NERI UCCISO PER AFFARE DI DROGA, DONNA POTREBBE INCASTRARE ASSASSINO

Pubblicazione: 03 novembre 2018 alle ore 10:24

Alessandro Neri

PESCARA - Spunta il movente a otto mesi dall'omicidio di Alessandro Neri, il 28enne di Villa Raspa, nel comune di Spoltore (Pescara), ucciso il 5 marzo con due colpi di pistola e ritrovato tre giorni dopo sul greto del torrente Vallelunga, gli investigatori hanno ricostruito perché è stato ucciso il giovane: per il mancato pagamento, di cui Neri si sarebbe fatto garante, di una partita di "fumo". 

Una compravendita che il giovane avrebbe seguito per conto di altri, esponendosi in prima persona per il pagamento; facendosi garante, appunto, di un saldo che però non è arrivato. 

Sarebbe questa la causa della lite sfociata nell'omicidio, come riporta Il Centro. 

Non un agguato dunque, non un delitto premeditato o una vendetta per questioni passionali o legate alla gelosia per una donna della quale, anche, si era parlato inizialmente, ma soldi.

Secondo quanto ricostruito potrebbe trattarsi di un ennesimo sollecito a cui i creditori si sono presentati armati, forse solo per spaventarlo, per incalzarlo all'appuntamento in cui Neri era andato sicuro di poter prendere ancora tempo, invece si è trovato davanti la pistola e forse, stando a come l'ha descritto chi l'ha conosciuto bene, piuttosto che mostrarsi intimorito ha reagito, ha alzato la voce e da lì potrebbe essere nata la colluttazione sfociata nel primo colpo di pistola. 

Quello che l'ha colpito al fianco e che a quel punto ha indotto i suoi aggressori a "finirlo" con il secondo colpo alla testa, esploso dopo avergli calato sulla fronte il cappuccio della felpa.

È da questo importante tassello che i carabinieri del Nucleo investigativo diretti dal maggiore Massimiliano Di Pietro hanno preso la rincorsa dopo mesi di indagini complesse rese ancor più complicate da una serie di circostanze.

Dal tempo perso inizialmente, con gli investigatori del Nucleo investigativo chiamati a subentrare solo il 10 marzo, con la scena del crimine già in qualche modo inquinata, fino alla pista della vendetta familiare che ha spostato l'attenzione degli investigatori sui rapporti della madre del ragazzo, Laura Lamaletto, con la sua famiglia di origine. 

Tanti ostacoli che hanno finito per rallentare il lavoro degli inquirenti, che adesso, però, sembrano aver ripreso le fila della questione.

Un risultato ottenuto sotto la guida del nuovo sostituto procuratore Luca Sciarretta, il magistrato pescarese approdato a fine estate dalla Procura di Teramo e che ha ereditato il caso Neri dalla collega Valentina D'Agostino, passata a sua volta alla Procura di Ancona come procuratore aggiunto. 

L'ambiente della criminalità locale con cui Neri aveva rapporti assidui, diretti e indiretti. 

Abituato a fare affari di ogni tipo, dalle compravendite all'asta al commercio di automobili, Neri sapeva fare affari e sapeva trattare, con tutti. Una peculiarità che, unita al buon momento economico del 28enne, qualcuno della criminalità locale con il quale il giovane aveva rapporti diretti, deve aver sfruttato per la compravendita di quella partita di droga costata la vita al 28enne.

Per questo adesso la strada per arrivare ai suoi assassini, passa obbligatoriamente per quella che porta ai presunti amici, o soci di Neri, che lo avrebbero incaricato del "favore" quasi certamente in cambio di un compenso, di una percentuale che gli è costata la vita. 

È nelle ultime frequentazioni di Alessandro, detto Nerino, la chiave del giallo. 

Altri nomi individuati nella matassa di rapporti intessuta dal giovane e su cui, come è stato già fatto su una trentina di persone, gli investigatori stanno procedendo all'analisi dei rispettivi Dna.

Finora, l'unico Dna ritenuto valido è quello femminile isolato sugli slip di Alessandro Neri. 

Un elemento che aveva fatto ipotizzare la presenza di una donna sulla scena del crimine. Una presenza però che, dopo mesi di indagini a 360 gradi, non è più così scontata. Quel Dna potrebbe risalire a un tempo precedente rispetto all'omicidio di quel tardo lunedì pomeriggio di marzo. Ma ai fini investigativi non è meno importante: quel Dna è sicuramente la prova di un rapporto privilegiato che Alessandro Neri ha avuto con una donna nelle ore precedenti alla sua fine. 

Una donna che però, dopo tutti questi mesi, non si è mai fatta avanti e che invece potrebbe dare la dritta giusta per consentire agli investigatori di chiudere il cerchio. È lei che aspettano, anche in forma riservata. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

OMICIDIO PESCARA: NERI UCCISO CON 2 COLPI DI PISTOLA, QUELLO MORTALE ALLA TESTA

PESCARA - Due i colpi di pistola che, esplosi a distanza ravvicinata, hanno raggiunto Alessandro Neri, il 29enne di Spoltore (Pescara) trovato morto giovedì scorso in un canale alla periferia Sud di Pescara.  Uno, mortale, alla testa... (continua)

OMICIDIO PESCARA: ''FAMIGLIA NERI NON HA CONFLITTI CON I LAMALETTO''

PESCARA - "La famiglia Neri non ha alcuna situazione di conflittualità con la famiglia Lamaletto".  Lo ha detto ai giornalisti il comandante provinciale dei Carabinieri di Pescara, colonnello Marco Riscaldati, su esplicita richiesta della famiglia Neri, in... (continua)

OMICIDIO PESCARA: CARABINIERI ASCOLTANO PADRE, FRATELLI E ZIO DI ALESSANDRO NERI

PESCARA - I carabinieri di Pescara  hanno ascoltato, nella sede del Comando provinciale, il padre, due fratelli e lo zio di Alessandro Neri, il 29enne di Spoltore (Pescara) ucciso a colpi di arma da fuoco e... (continua)

OMICIDIO PESCARA: AMICO VITTIMA, ''OMBRE NELLA SUA VITA? BUGIE''

PESCARA - "Tutte bugie", secondo un amico, le ombre, di cui si è parlato in questi giorni, che avrebbero caratterizzato la vita di Alessandro Neri, il 29enne di Spoltore (Pescara) ucciso a colpi di arma da... (continua)

OMICIDIO NERI, RIS DI NUOVO A LAVORO SU AUTO SEQUESTRATE

PESCARA - I Carabinieri del Ris di Roma sono tornati a Pescara per accertamenti nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Alessandro Neri, il 29enne di Spoltore (Pescara) ucciso a colpi di arma da fuoco e trovato morto... (continua)

OMICIDIO PESCARA: 'FRANCESCO AIUTAMI'; MADRE NERI SCRIVE AL PAPA

PESCARA - "Papa Francesco, ti chiedo di intercedere e aiutarmi". Lo ha scritto in una lettera inviata al Pontefice Laura Lamaletto, mamma di Alessandro Neri, il 29enne di Spoltore (Pescara) ucciso a colpi di arma da... (continua)

OMICIDIO NERI, SPUNTA PISTA DELLA GELOSIA; CANCELLATI DATI DA COMPUTER E SMARTPHONE

PESCARA - Non si fermano le indagini sull'omicidio di Alessandro Neri, il 28enne di Spoltore (Pescara) ucciso con due colpi di pistola il cui corpo è stato rinvenuto l’8 marzo alle porte di Pescara.  Potrebbe esserci, tra le... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui