• Abruzzoweb sponsor

PIU' FAKE NEWS CIRCOLANO, PIU' GRAVE E' IMPATTO DI UN'EPIDEMIA

Pubblicazione: 14 febbraio 2020 alle ore 15:31

ROMA - L'aumento delle fake news potrebbe rendere più grave l'impatto e le conseguenze delle epidemie. Gli sforzi per fermare le persone nel diffondere notizie false, disinformazione e consigli dannosi sui social media possono dunque salvare vite. 

Lo hanno verificato i ricercatori dell'università dell'East Anglia per l'influenza, vaiolo delle scimmie e il norovirus, ma è un risultato che può essere utile per gestire anche l'epidemia in corso di coronavirus, come spiegano sulla rivista Revue d'epidemiologie et de santè publique. 

Che le fake news possano essere usate per distorcere i processi politici o manipolare i mercati finanziari è ben noto, mentre si sa meno che la loro diffusione può danneggiare la salute umana, soprattutto durante i focolai di malattie infettive. 

"Le fake news non hanno alcuna accuratezza e si basano spesso su teorie di cospirazioni e complotti - spiegano Paul Hunter e Julii Brainard, due dei ricercatori -. Circa il 40% del pubblico britannico crede ad almeno una cospirazione e anche di più negli Usa e altri paesi". 

Con l'arrivo del virus COVID-19, speculazioni, disinformazione e notizie false sono circolate su internet, su come si era originato il virus, cosa causava e come si diffondeva. "Ma dare informazioni sbagliate può far circolare il virus molto velocemente e modificare i comportamenti delle persone esponendole a più rischi. Abbiamo visto ad esempio come l'aumento dei movimenti no-vax abbia portato ad un aumento dei casi di morbillo nel mondo", continuano. 

Comportamenti rischiosi durante i focolai di malattie infettive sono non lavarsi le mani, condividere il cibo con persone malate, non disinfettare superfici potenzialmente contaminate e non auto-isolarsi. I ricercatori hanno visto che riducendo la quantità di consigli dannosi in circolazione, cala il loro impatto negativo sull'epidemia. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui