Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

PRIMARIE PD: IN ABRUZZO RENZI PIGLIATUTTO,
EMILIANO ''TRADITO'' E CON ORLANDO GLI EX DS

Pubblicazione: 13 marzo 2017 alle ore 07:00

Michele Emiliano, Matteo Renzi e Andrea Orlando
di

L'AQUILA - I maggiorenti sono con l'ex premier Matteo Renzi, attorno al ministro della Giustizia Andrea Orlando si ricoagulano gli ex Ds, e con Michele Emiliano va solo un manipolo di amministratori locali: poche sorprese in Abruzzo in vista delle primarie del Partito democratico che il 30 aprile sceglieranno il nuovo segretario nazionale.

La Giunta regionale è divisa in due: il presidente Luciano D'Alfonso e gli assessori Silvio Paolucci e Dino Pepe sono con il segretario uscente, il vice presidente Giovanni Lolli e l'assessore Donato Di Matteo stanno con il guardasigilli, Marinella Sclocco sta invece meditando di lasciare il Pd.

In Consiglio il gruppo è granitico, dal capogruppo Sandro Mariani al presidente Giuseppe Di Pangrazio sono tutti con l'ex premier, l'unico a non sostenere Renzi è Pierpaolo Pietrucci, che è sulle posizioni di Orlando ed era in prima fila l'altro giorno all'Aquila dove il ministro ha scelto di aprire la propria campagna congressuale.

E con il governatore della Puglia non va neppure Camillo D'Alessandro, legato da un'amicizia decennale con Michele Emiliano, che è sempre stato al suo fianco nelle campagne elettorali in Abruzzo.

L'avvio della campagna congressuale sembra ridefinire i vecchi schemi di quando il Pd è stato fondato, con una divisione tra coloro che provengono dalla storia del Partito comunista prima e dei Democratici di sinistra poi, che si stanno collocando in massa con Orlando, la cui candidatura viene infatti considerata utile anche dai renziani perché scongiura una ulteriore emorragia verso il Movimento democratici e progressisti fondato dagli scissionisti guidati Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema, e i moderati, o comunque coloro che sono nei posti di potere, che sostengono Renzi ritenendo che un suo ridimensionamento significherebbe l'ennesimo indebolimento di un leader. E sarebbe il quarto, dopo Walter Veltroni, Bersani e Dario Franceschini, i tre segretari che ha avuto il Pd da quel 14 ottobre 2007.

Tra le nuove generazioni, poi, c'è anche chi pur provenendo dall'esperienza dei Democratici di sinistra ha deciso di sostenere Renzi collocandosi però nella corrente del ministro Maurizio Martina: è il caso dell'assessore regionale alla Sanità Paolucci.

Con Andrea Orlando è mobilitato quasi l'intero Pd aquilano, dal segretario Stefano Albano al sindaco uscente Massimo Cialente, passando per il presidente del Consiglio comunale Carlo Benedetti e gran parte del gruppo consiliare. A Pescara sono schierati con il guardasigilli il presidente del Consiglio comunale Antonio Blasioli e l'onorevole Antonio Castricone, nel Teramano il presidente della Provincia Renzo Di Sabatino e l'ex segretario regionale dei Ds Stefania Misticoni, in provincia di Chieti l'onorevole Maria Amato.

Con Emiliano c'è un manipolo di amministratori locali, a partire da una pattuglia di sindaci del Teramano capeggiati da quello di Giulianova Francesco Mastromauro, e poi il consigliere comunale di Chieti Luigi Febo, candidato sindaco del centrosinistra sconfitto alle ultime elezioni, il sindaco di Francavilla al Mare (Chieti) Antonio Luciani, l'ex collaboratrice di quest'ultimo e storica segretaria di D'Alessandro, Cristiana Canosa, probabile candidato sindaco a Ortona. Da quanto appreso, dovrebbe sostenere Emiliano anche l'ex vice presidente del Consiglio regionale Giovanni D'Amico, per il quale potrebbero riaprirsi le porte dell'Emicilo se Pietrucci dovesse diventare sindaco dell'Aquila.

Dalla mappa delle adesioni è percettibile la prevalenza di Renzi in Abruzzo, dove sembra prevalere il ragionamento per il quale sarebbe sconveniente indebolire l'attuale leader, nonostante persino tra i renziani sia apprezzata la candidatura di Orlando che aiuta a trattenere nel Pd molti che altrimenti c'era il rischio potessero abbandonare il partito.

Di contro, il ricompattamento degli ex Ds infastidisce chi teme di tornare a sentirsi ospite in casa propria, dopo la fatica fatta per amalgamare quelle diverse anime che si ritrovarono insieme dieci anni fa grazie a quella che in molti hanno sempre definito una fusione a freddo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui