• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

IL SEGRETARIO NAZIONALE DEL PD RICANDIDATO ALLA GUIDA DEL PARTITO ATTACCA SALVINI CHE ''FA IL BULLO E POI SCAPPA'' E DI MAIO CHE DIFENDE I GILET GIALLI

REGIONALI: MARTINA ALL'AQUILA, ''DA ABRUZZO PARTA MESSAGGIO RISCOSSA, LEGNINI IL MEGLIO''

Pubblicazione: 07 gennaio 2019 alle ore 20:12

di

L'AQUILA - "Per noi è fondamentale che dall’Abruzzo parta un messaggio importante di riscossa, di ripartenza, credo che l’Abruzzo abbia bisogno di essere governato dagli abruzzesi, che non servano estremisti e che invece serva la forza di una personalità come Giovanni Legnini, con un progetto civico, largo e aperto come quello che lui sta interpretando".

Così il segretario nazionale del Partito democratico Maurizio Martina, ricandidato alla guida dei dem alle primarie del 3 marzo prossimo, parlando all’Aquila a margine di un evento elettorale in vista delle regionali del 10 febbraio prossimo.

"Siamo tutti con lui", ha aggiunto con riferimento all'ex vice presidente del Csm, che non ha partecipato all'iniziativa perché impegnato nelle ultime rifiniture alle liste che vanno presentate entro sabato prossimo, "con lo spirito che è quello di lavorare con la comunità locale, per questo territorio che ha bisogno di trovare in figure come quella di Legnini punti di riferimento per il proprio futuro".

"Credo proprio di sì", ha risposto a chi gli chiedeva se Legnini fosse il candidato migliore.

Martina ha sottolineato poi che "c’è bisogno, quando si affronta una tornata elettorale, di dare una prospettiva, è importante per una comunità indicare novità, assumere impegni e fare un lavoro serio dove contano la qualità del progetto, le persone che seriamente si mettono a disposizione in questa sfida, invito veramente i cittadini a misurare la differenza, anche di tono, di contenuti e stile, tra chi ha a cuore il futuro dell’Abruzzo e chi magari passa qualche ora nei territori avendo più a cuore la poltrona a Roma".

Per Legnini, intanto, sembra si vada verso la presentazione di ben 8 liste, una in più rispetto a quelle previste fino a qualche giorno fa: Partito democratico, Articolo 1, che si presenta con un simbolo che include il logo della disciolta Sinistra ecologia e libertà per non essere costretto a raccogliere le firme, Avanti Abruzzo, che racchiude Italia dei valori e Partito socialisti, +Abruzzo, declinazione locale di +Europa della Bonino, la lista che fa riferimento al consigliere regionale Donato Di Matteo e le tre civiche ispirate dallo stesso Legnini, cioè Abruzzo in Comune, Democratici e popolari per l'Abruzzo e Legnini Presidente.

Per partiti e movimenti sono ore frenetiche per le ultime limature, ma, assicurano gli addetti ai lavori, si è a buon punto con gli adempimenti anche grazie ad escamotage per eludere appunto la raccolta delle firme, che avrebbe costretto a una corsa contro il tempo anche a formazioni poco strutturate sul territorio.

Martina, intanto, accolto, tra gli altri, dal segretario regionale del Pd Renzo Di Sabatino, dalla deputata Stefania Pezzopane, dal presidente reggente della Regione Giovanni Lolli, dal presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, dall'assessore regionale Lorenzo Berardinetti, dal consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, dal segretario e dal presidente provinciale, Francesco Piacente e Fabrizio D'Alessandro, e da numerosi sindaci del comprensorio, a partire da quello di Barisciano Francesco Di Paolo, coordinatore dei sindaci del cratere, è intervenuto anche sul decreto Sicurezza: "Salvini fa tanto il bullo poi scappa dalle argomentazioni quando gli si dice da tempo che questo decreto genererà più insicurezza e più irregolarità", ha detto.

"Salvini fa finta di non vedere che questo decreto serve a lui e alla sua propaganda per andare in giro a fare il finto sceriffo - ha continuato Martina -. E poi lascia nelle città più insicurezza è più irregolarità, basterebbe pagare di più i sindaci dei piccoli comuni montani e le piccole città e pagare meno qualche ministro".

E a proposito delle parole di sostegno di Luigi Di Maio ai gilet gialli che protestano in Francia, ha chiosato: "È scandaloso che per uscire dalle difficoltà di competizione che ha con Salvini, Di Maio inneggi a chi in un paese amico come la Francia ha provocato quei danni".

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

...
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui