DEPUTATO FORZISTA BOCCIA CLASSE DIRIGENTE LOCALE: ''MELONIANI CANDIDINO CROSETTO IN PIEMONTE! DIVERSA RIPARTIZIONE? SI DEVE FARE PER BUON SENSO, BERLUSCONI D’ACCORDO''

REGIONALI: ROTONDI, ''SONO IN CAMPO, FDI NON PUO' PRETENDERE SENZA UN MARADONA''

Pubblicazione: 29 ottobre 2018 alle ore 18:00

di

L'AQUILA - "Non giudico i nomi messi in campo da Fratelli d'Italia, ma il fatto che si pretenda una regione senza avere un candidato. Un piccolo partito per pretendere una regione deve avere Maradona, e loro ce l'hanno in Piemonte, perché Guido Crosetto politicamente parlando è Maradona".

Sulle elezioni regionali del prossimo 10 febbraio irrompe l’ex ministro del governo Berlusconi Gianfranco Rotondi, che boccia la classe dirigente abruzzese di Fratelli d’Italia e quindi il suo candidato alla presidenza: tanto che il parlamentare di Forza Italia, di origini campane ma eletto in Abruzzo, è convinto che alla fine il tavolo nazionale di centrodestra, lo stesso che a metà settembre nell'ambito della ripartizione delle quattro regioni al voto nel 2019, ha assegnato l'Abruzzo al partito della Meloni, rivedrà la composizione del mosaico.

"È una mia opinione ma coincide con il buon senso", spiega con la solita schiettezza e puntualità politica, lanciando nell’agone delle regionali piemontesi il parlamentare meloniano Crosetto, ex sottosegretario all Difesa.

Ma c’è di più: il deputato eletto con gli azzurri in quota Rivoluzione cristiana, nel proporzionale nel collegio Abruzzo 1, nelle ultime ore dato come possibile candidato governatore, conferma a questo giornale l'indiscrezione svelata proprio da AbruzzoWeb: "Sono in campo perché sono eletto in un collegio abruzzese e ho il dovere di fare una battaglia per la mia area politica, che comprende Forza Italia e i due gruppi democristiani, Udc e Rivoluzione cristiana, questi ultimi due tra l'altro si presentano insieme in Abruzzo con un'unica lista".

Una presa di posizione pesante destinata ad alimentare il dibattito, già forte, in un centrodestra confuso e pericolosamente fermo nella scelta del candidato governatore, sulla eventualità di una diversa ripartizione tra Abruzzo, Sardegna, Basilicata e Piemonte.

Rotondi non fa mai i nomi, ma a proposito della terna di Fratelli d'Italia, composta dal coordinatore regionale Giandonato Morra, dal senatore Marco Marsilio e dal cardiochirurgo Massimiliano Foschi, sui quali fin dall'inizio pende il rilievo, alimentato anche all'interno della stessa Fratelli d'Italia, che non sono nati in Abruzzo, dice che "a quei livelli anche noi abbiamo una dozzina di potenziali candidati".

"È sbagliato il metodo", aggiunge tornando alla scelta di assegnare l'Abruzzo a Fdi, "il tavolo nazionale ha diviso le regioni tra partiti, al contrario bisogna vedere i carismi in campo in ciascuna regione e poi ricondurli ad una logica di apparteneneza. Anche un partito piccolo può esprimere un candidato governatore a condizione che ce l'abbia, se in Piemonte ha Crosetto che è stimato da tutti, anche se il Piemonte è più popoloso dell'Abruzzo, è legittimo che lo rivendichi, se invece chiede l'Abruzzo e poi apre una pesca miracolosa l'unico effetto è che l'elettorato si allontana".

"Se ho condiviso queste parole con Berlusconi? Il mio rapporto con Berlusconi da 24 anni è di totale collaborazione per cui non abbiamo bisogno nemmeno di sentirci - afferma Rotondi - come dice lui siamo d'accordo anche se non ci sentiamo".

“Dei soci fondatori di Forza Italia, del patto di via dell'Anima che portò i democristiani all'accordo con Berlusconi, sono rimasto solo io. Di Bossi è nota la vicenda, Fini e Casini sono andati tutti per altre strade, i coordinatori di allora, Previti, Antonione, Bondi, Verdini, Alfano, se ne sono andati tutti, siamo rimasti io e Berlusconi", continua l'ex ministro.

"Se alzo un po' la voce è solo in virtù di una storia di reciproca affidabilità", fa notare Rotondi.

"Chiedo di essere ascoltato nell'interesse di Berlusconi", chiarisce, dicendo di non avere notizie del nuovo atteso summit tra l'ex premier, Salvini e Meloni dal quale ci si aspetta una definizione delle candidature.

"Berlusconi aiuterà tutta la coalizione a trovare una sintesi - conclude Rotondi - Salvini avrà anche il vento in poppa, ma senza un suo ruolo forte di mediazione in Italia il centrodestra è finito".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

REGIONALI: MELONI, ''ORA SUBITO VERTICE'', APPELLO LEADER FDI. SPUNTA IPOTESI ROTONDI

L’AQUILA - “Un vertice di centrodestra va fatto il prima possibile per definire il programma e le candidature alle prossime regionali, dalla Basilicata alla Sardegna”.  Anche il leader nazionale di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, chiede con urgenza... (continua)

REGIONALI: CESA (UDC), ''PARTIRE DA PROGRAMMA, LAVORIAMO SU CANDIDATO''

PESCARA - "Si sta lavorando per individuare un candidato che abbia autorevolezza e capacità politica e amministrativa per guidare una regione importante come l'Abruzzo".  Lo ha detto Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell'Udc, sulla scelta del candidato presidente... (continua)

REGIONALI: CESA, ''UDC E DC UNITI PER DARE RIFERIMENTO UNITARIO AI CATTOLICI''

PESCARA - "Udc e Dc faranno una lista unica in Abruzzo per dare un riferimento unitario ai cattolici". Lo ha annunciato l'onorevole Lorenzo Cesa, segretario nazionale Udc che ha presieduto i lavori della conferenza dal titolo Il... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui