• Abruzzoweb sponsor

RICOSTRUZIONE 2016: M5S, ''CASE ATER TERAMO AL PALO, VIA COMMISSARIO SALINI''

Pubblicazione: 21 febbraio 2019 alle ore 14:36

TERAMO - "La ricostruzione a Teramo non è mai partita, Il numero di sfollati è rimasto inalterato: si contavano in quattromila due anni fa e quattromila ce ne sono oggi  e non c’è un solo cantiere avviato. Serve Subito un nuovo commissario a capo dell’Ater ". 

A denunciarlo Pina Ciammariconi, capogruppo consiliare del Movimento 5 stelle al comune di Teramo, che chiede le dimissioni del commissario Nicola Salini, nominato dal centrosinistra il Regione. 

"La macchina della ricostruzione della Regione Abruzzo  targata PD, non ha funzionato a nessun livello. - incalza la pentastellata -,né all’’ufficio Ricostruzione, fanalino di coda assoluto di tutte le regioni convolte, né tantomeno all'Ater.  Ad oggi un capro espiatorio di comodo è stato individuato in Marcello D'Alberto, ex dirigente dell’USR, scaricato dai suoi senza troppi complimenti . Possiamo affermare con certezza che non sia stato solo lui l'artefice di questo immobilismo assoluto. Oppure si? Abbiamo letto con stupore la missiva con la quale Leo Iachini, presidente del comitato inquilini E.R.P, si dichiara disposto, in nome degli sfollati (bisognerebbe capire quali) a chiedere con una lettera al Presidente della Regione Marco Marsilio, la permanenza nel suo ruolo apicale di Nicola Salini, il direttore dell’A.T.E.R. La motivazione appare davvero surreale: 'con lui si sono visti i primi veri risultati'. Eppure, noi eravamo presenti il mese scorso alla visita in città del Sottosegretario alla ricostruzione Vito Crimi. Il senatore, con lodevole disponibilità ha incontrato tutti: il sindaco, le associazioni, rappresentati degli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri, fino ai semplici cittadini. L'unico ad aver brillato per la sua assenza è stato proprio Salini".

"All’indomani dell’incontro istituzionale tenutosi in Provincia il senatore Crimi - incalza Ciammariconi - , dietro nostro sollecito, ha visitato le case sgomberate a Colleatterrato. Abbiamo avvertito tristezza ed incredulità nello sguardo del parlamentare: un triste constatare che nulla si è mosso in tanti anni. La visita non era programmata quindi è stato solo per un caso fortuito che Salini si sia trovato da quelle parti ed abbia potuto incontrarlo. Abbiamo sentito Crimi mettersi a sua completa disposizione per cercare di risolvere questa imbarazzante situazione di immobilismo. Dopo quell’incontro, viene da chiederci: - Salini si è realmente attivato? Ha saputo cogliere l’occasione, la mano tesa offerta dal rappresentante del Governo? Ha saputo chiedere ai suoi uffici quella accelerazione nell’approvazione delle pratiche rimesse dall’U.S.R.? Se la risposta a queste domande più che lecite è si, allora forse ha ragione il signor Iachini, qualcosa si sta muovendo e, per garantire maggiore continuità al suo lavoro, è bene che Salini rimanga al suo posto.  Ma la realtà è un’altra. Il fallimento è palese. Per questo motivo chiediamo al nuovo Presidente della Regione un cambio immediato per il vertice dell’ATER per cercare di pervenire finalmente a risultati concreti", conclude la nota



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui