RICOSTRUZIONE: ANCE, PROPOSTE IN DECRETO GENOVA PER VELOCIZZARE ITER LAVORI PUBBLICI

Pubblicazione: 22 ottobre 2018 alle ore 13:25

Adolfo Cicchetti

L'AQUILA - C’è apprensione da parte degli imprenditori edili sugli emendamenti che Ance l’Aquila ha presentato al Parlamento, in sede di conversione del Decreto Genova, in coordinamento con i livelli associativi nazionali.

Si tratta - spiega una nota dell'associazione costruttori - di provvedimenti importanti tesi ad accelerare la ricostruzione pubblica nel cratere del 2009. In particolare negli emendamenti si chiede, tra le altre cose, l’istituzione di una conferenza permanete tra tutti i decisori e gli enti coinvolti nelle gare d’appalto per velocizzare il processo autorizzativo.

Una soluzione semplice, a costo zero, che permetterebbe di accorciare i tempi morti dei passaggi burocratici da un ufficio all’altro e che potrebbe portare ad uno sblocco immediato degli arretrati e all’apertura dei cantieri nei centri del cratere, con tutti i benefici economici sul lavoro delle imprese e l’occupazione derivante, nonché il miglioramento della vivibilità dei centri storici in via di rinascita.

Il provvedimento, stando alle ultime notizie, ha ricevuto parere contrario dalle Commissioni della Camera, così come tutti quelli riguardanti la ricostruzione 2009.

"Ci auguriamo che, nel passaggio al Senato, o al massimo in sede di discussione di prossimi e immediati provvedimenti, possa essere ripresentato con un esito diverso", dice in una nota il presidente dell'Ance L’Aquila Adolfo Cicchetti, "altrimenti saremo costretti a cambiare atteggiamento e strategia per farci ascoltare. Non vorremmo che questi segnali fossero il preludio di una fatale sottovalutazione nei confronti del disagio del nostro territorio alle prese con una sfida difficilissima e ancora lontana dal traguardo. Disattenzioni si riscontrano anche nei ritardi con cui si stanno affrontando le valutazioni e le proposte sul rinnovo della filiera della governance della ricostruzione in scadenza. Ricordiamo che il mandato della sottosegretaria De Micheli, che deteneva la delega alla ricostruzione del 2009 è scaduto da tempo. L’Ufficio speciale per la ricostruzione del Cratere (Usrc) è stato affidato temporaneamente alla responsabilità di Raniero Fabrizi, già coordinatore dell’Ufficio Speciale della Ricostruzione dell’Aquila (Usra) a seguito delle dimissioni di Paolo Esposito. Fabrizi, dal canto suo, è prossimo ad un imminente pensionamento. E ancora: alla Struttura Tecnica di Missione (STM), il titolare Giampiero Marchesi è stato prorogato in via emergenziale per un mese, ormai in scadenza, ma non si conosce il suo immediato destino".

"Chiediamo un decisivo segnale dal Governo", è l’appello di Cicchetti, "la nostra aspettativa è condivisa dagli operai che nutrono inquietudini per il futuro lavorativo, dopo il calo di 900 unità negli ultimi due anni, secondo dati certificati e con una tendenza inarrestabile, e dalle imprese che devono effettuare la programmazione di mezzi e risorse per i prossimi mesi. Sono circa 100 in meno oggi, le imprese operanti rispetto al 2016 che sviluppano un numero ben più alto di cantieri e gru".

"È urgente un riscontro sui ragionamenti e le decisioni che si stanno valutando sulla ridefinizione della governance. Abbiamo necessità di interlocutori per riportare in primo piano il nostro cratere, comprese le problematiche che gli emendamenti correnti tentano di affrontare e a alle quali è appeso il nostro destino e dei tanti nodi ancora insoluti: burocrazia, norme sovrapposte nel doppio cratere, la programmazione dei 2,1 miliardi di euro ancora destinabili fino al 2020, operazione inderogabile per la richiesta di nuovi stanziamenti per gli anni successivi e adeguato personale negli uffici".

"Temiamo che il sisma 2009  finisca in fondo all’agenda di Governo. E soluzioni tardive, come già sta accadendo,  e come sempre è accaduto in passato, avranno conseguenze nefaste. Uno spiraglio ci giunge dal sottosegretario al Ministero dei beni e Attività Culturali Gianluca Vacca che in un recente incontro ci ha assicurato il suo impegno affinché, nelle more di una generale opera di rafforzamento del personale negli uffici pubblici ministeriali, si proceda con ogni mezzo ad un’accelerazione delle gare pubbliche per i monumenti di proprietà statale".

"Ci auguriamo la stessa disponibilità dagli altri esponenti del Governo e rivolgiamo un appello ai nostri rappresentanti politici affinché esercitino il loro diritto-dovere di farsi ascoltare a Roma", conclude Cicchetti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui