• Abruzzoweb sponsor

RIGOPIANO: PROSSIMA UDIENZA VERSO IL RINVIO

Pubblicazione: 01 ottobre 2019 alle ore 16:47

PESCARA - Sarà rinviata la terza udienza preliminare sul disastro dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), in programma il prossimo 25 ottobre davanti al gup del tribunale di Pescara Gianluca Sarandrea.

La giunta dell'Unione delle Camere penali italiane ha infatti deliberato l'indizione di uno sciopero, per protestare contro l'abolizione della prescrizione e la mancata riforma del processo, dal 21 al 25 ottobre prossimo.

Dopo la sospensione e il rinvio della precedente udienza, per legittimo impedimento di uno degli imputati, aggredito durante una pausa dalla madre di una vittima e costretto a fare ricorso alle cure dell'ospedale, si rallenta ulteriormente il procedimento che conta 24 imputati, più la società Gran Sasso Resort & Spa, e che mira a fare luce sulla tragedia che il 18 gennaio del 2017 costò la vita a 29 persone.

Sarà infatti sufficiente che un avvocato, tra le decine di legali che compongono i collegi difensivi o che assistono le 115 parti civili, aderisca allo sciopero, per far scattare un nuovo rinvio dell'udienza. 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui