SANITA': AUMENTANO GLI ITALIANI CHE RINUNCIANO ALLE CURE ESSENZIALI

Pubblicazione: 07 novembre 2017 alle ore 12:15

ROMA - Cresce in Italia il fenomeno di rinunciare alle prestazioni essenziali di welfare: la rinuncia a cure sanitarie è in media del 36,7 per cento e sale al 58,9 per cento per la fascia più debole. 

I dati emergono dalla prima edizione dell'Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane,presentato oggi alla Camera dei Deputati da Mbs Consulting, secondo cui "il settore più critico è quello dell'assistenza agli anziani e ai non autosufficienti, con un tasso medio del 76,2 per cento".

Tra gli altri, "la rinuncia nei servizi per la cura dei figli è mediamente del 41,1 per cento e per i meno abbienti del 54,8 per cento, mentre nell'istruzione è rispettivamente del 35,4 per cento e del 57,7 per cento", spiega il rapporto, sottolineando che "l'incidenza delle spese di welfare in proporzione al reddito è maggiore nelle famiglie economicamente più deboli (19 per cento) che nelle famiglie agiate (14,7 per cento),il 36,1 per cento delle famiglie italiane ha rinunciato ad almeno una prestazione essenziale,la percentuale sale al 56,5 per cento per chi si trova in condizione di debolezza economica".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui