SANITA': CGIL, ''ASSUNZIONI ASL TERAMO INSUFFICIENTI AL FABBISOGNO''

Pubblicazione: 27 febbraio 2017 alle ore 13:24

L'ospedale di Teramo

TERAMO - "Negli ultimi mesi assistiamo, con cadenza quasi settimanale, ad annunci da parte della Regione Abruzzo, aventi ad oggetto nuove assunzioni alla Asl di Teramo, ma la Regione non dice, né attraverso i suoi rappresentanti istituzionali né tantomeno attraverso i dirigenti regionali, che sono assunzioni che coprono circa un terzo delle cessazioni che si sono avute in questi anni solo per pensionamenti".

Lo denuncia in una nota Pancrazio Cordone, segretario provinciale della Funzione pubblica Cgil di Teramo.

"La Regione non dice che quelle assunzioni non fanno recuperare la differenza che esiste tra la dotazione organica della Asl di Teramo rispetto a quelle delle altre Asl d’Abruzzo (l’organico della Asl di Teramo è inferiore di oltre 700 unità rispetto la media delle altre Asl) penalizzando così una intera comunità ed alimentando così la mobilità passiva".

"Oltre a non dire, cosa ben più grave è che la Regione non fa", accusa Cordone.

"La Regione Abruzzo non fa una legge che consenta la stabilizzazione dei precari in sanità, a differenza di quanto avvenuto in diverse regioni d’Italia, continuando a rendere precaria la condizione lavorativa di figure necessarie a garantire i Livelli essenziali di assistenza previsti per legge".

"La Regione Abruzzo non fa le nomine dei componenti le commissioni che devono selezionare i dirigenti medici per procedere a nuove assunzioni tenendo di fatto bloccate le già eseguite possibilità di assunzioni della Asl di Teramo".

"Questo stato di cose - aggiunge - non può non insinuarci il dubbio che si voglia continuare a soffiare fumo negli occhi dei cittadini, esaltando le insufficienti e doverose assunzioni alla ASL di Teramo per continuare a mortificare la sanità pubblica della Provincia di Teramo".

"Oggi come in passato la scrivente organizzazione sindacale è impegnata nella difesa di un servizio sanitario pubblico ed universale e, se il governo vuole davvero assicurare i nuovi Livelli essenziali di assistenza, non si può prescindere dalle assunzioni del personale necessario, pertanto chiediamo alla Regione Abruzzo di aprire subito un tavolo di confronto con le rappresentanze dei lavoratori, perché i cittadini della Provincia di Teramo non debbano vivere sulla propria pelle la differenza tra sistemi sanitari territorialmente adiacenti e soprattutto chiediamo che la Regione faccia quello che può fare nell’immediato: una legge per la stabilizzazione dei precari e quelle nomine necessarie affinché la Asl di Teramo possa procedere all’assunzione di dirigenti medici".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui