SEVEL: SCIOPERO DELLA FIOM
CONTRO IL RECUPERO TURNI
NEL FINE SETTIMANA

Pubblicazione: 28 aprile 2017 alle ore 12:22

ATESSA - La Fiom Cgil proclama lo sciopero per domani sabato 29 aprile (primo turno) e domenica 7 maggio (turno di notte) alla Sevel di Atessa (Chieti), dopo il fermo produttivo di due turni sulla linea Ducato determinato dall'incendio che mercoledì sera si è sviluppato nella sala macchina del Centro elaborazione dati (Ced), distruggendo parte dei gruppi di continuità.

In una nota, la Fiom ribadisce la "contrarietà ai recuperi come proposto/imposto dalla Sevel. Il fermo produttivo secondo la Direzione aziendale dovrebbe essere pagato da tutti noi che dovremmo nuovamente lasciare le famiglie sabato 29 aprile e domenica 7 maggio per recarci a lavoro sul weekend".

Per il sindacato "non si può convocare un sabato lavorativo con sole 24 ore di preavviso" e "i recuperi a costo zero non vanno bene. Il recupero non può essere imposto senza una discussione". All'azienda la Fiom Cgil dice: "Le lavoratrici e i lavoratori non ne possono più di trascorrere i weekend in fabbrica" e auspica il ritorno a una normale dialettica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui