• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

SISMA 2009: PIETRUCCI ''CERNIERA'' DI CIALENTE, 'MOLLAI TUTTO PER LA GENTE'

Pubblicazione: 06 aprile 2017 alle ore 17:24

Massimo Cialente e Pierpaolo Pietrucci

L’AQUILA - “Ho dovuto lasciare tutto e donarmi, dare tutto me stesso in soccorso alla mia gente e alla mia città: quando si ricoprono certi incarichi l’assunzione di responsabilità è anche la cosa più bella, non puoi vivere un giorno perfetto senza aver fatto qualcosa per qualcuno che non sarà in grado di ripagarti”.

Cita un aforisma attribuito a Oscar Wilde, il consigliere regionale aquilano Pierpaolo Pietrucci, per ricordare ai microfoni di AbruzzoWeb il “suo” 6 aprile 2009, quando a 33 anni, da capo di gabinetto del sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, dovette mollare tutto e dedicarsi 24 ore su 24 all’emergenza, “un deja vu con quello che mi è accaduto lo scorso agosto dopo il terremoto di Amatrice”.

Una città distrutta, un ente comunale senza casa e senza direzione. “Giornate indelebili, immagini indelebili, siamo ripartiti con forza e tenacia e non abbiamo mai smesso di lottare - ricorda - Ho la consapevolezza di aver vissuto quei giorni in prima linea, come d’altronde quelli di Amatrice: ci ho sempre messo la faccia e sempre ci sarò per il mio territorio”.

Pietrucci loda la figura ‘sola contro tutti’ del sindaco Cialente, “soprattutto a livello umano credo meriti il rispetto e l’affetto del mondo intero. Massimo è stato un grande sindaco - rivendica - ha fatto anche degli errori, che ho riconosciuto, e avendo fatto parte di quella squadra, non mi tiro fuori, ho commesso anch’io, ma davvero non so come abbia fatto a non uscire pazzo”.

Del primo cittadino uscente sottolinea “una tenacia fisica che ha stupito me e molti, questo stare sul pezzo, prendere decisioni che richiedevano tempo e riflessioni, ma  non ne avevamo. Se sono stati commessi errori - prosegue - è proprio perché il fattore tempo è determinante per evitare lo spopolamento di una comunità”.

“Con Cialente ho avuto un rapporto simbiotico, abbiamo aperto le porte degli uffici e dell’ufficio di gabinetto, grazie a un grande rapporto avuto con la macchina comunale e con i dirigenti, che sono un valore aggiunto e non finirò mai di ringraziare - sottolinea - Ci hanno messo più di quello che potevano, erano terremotati e bisognosi loro di essere assistiti, mentre hanno fornito assistenza agli altri”.

Un capo di gabinetto che, con Cialente impegnato a misurarsi contro personaggi di rilevanza nazionale e a battagliare per L’Aquila con le alte cariche dello Stato, è dovuto diventare giocoforza un sindaco ombra, un “filtro”.

“Ho rappresentato la cerniera, non solo tra il sindaco, gli assessori e la macchina comunale, ma anche tra il sindaco e la comunità e ho avuto a fianco a me ragazze straordinarie, alcune lavorano ancora al mio fianco - ricorda - Soprattutto c’era la conoscenza di un tessuto che mi proviene dal mio passato”.

“In quel momento c’era bisogno di confronto, gli aquilani venivano esacerbati negli uffici: io provavo a trovare una soluzione, senza fare da imbonitore, ma con pragmatismo e praticità, perché se provi ad allisciare il pelo alle persone se ne accorgono”, conclude. (alb.or.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui