SISMA: BLITZ A L'AQUILA DELLA
DE MICHELI, CIALENTE, 'PUNTO
SU SCUOLE E POCO PERSONALE'

Pubblicazione: 20 aprile 2017 alle ore 18:08

L'AQUILA - "E' stato un punto della situazione molto positivo, abbiamo discusso di tutti gli emendamenti rimasti fuori dal decreto terremoto. Il sottosegretario ci ha assicurato che a stretto giro li riproporrà in altri strumenti legislativi".

Così il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, al termine del summit di oggi pomeriggio  nel capoluogo abruzzese con il sottosegretario all'Economia con delega alla ricostruzione Paola De Micheli, per fare il punto sulle problematiche della ricostruzione post terremoto.

Al confronto non pubblicizzato, un vero e proprio blitz di oltre due ore, hanno partecipato tutti gli attori della flliera della ricostruzione: oltre al sindaco, i titolari degli uffici della ricostruzione Raniero Fabrizi (Usra) e Paolo Esposito (Usrc), il coordinatore dei sindaci del cratere Francesco Di Paolo, assieme a numerosi primi cittadini, il presidente della Gran Sasso acqua  Americo Di Benedetto, Mauro Basile in rappresentanza degli amministratori di condominio, Rita Innocenzi, della segreteria regionale Cgil, ed ancora la senatrice Stefania Pezzopane.

"Alla De Micheli abbiamo rappresentato tante questioni - spiega Cialente - a mio avviso il problema più importante è quello della burocrazia per le gare relative alla ricostruzione delle scuole, bisogna tornare ad affidare lavori sotto il milione con procedure semplificate. Sulla ricostruzione pubblica che va a rilento abbiamo riproposto il problema del personale delle stazioni appaltanti, in tal senso non abbiamo chiesto nuovo personale ma un migliore utilizzo di quello attuale prevedendo ad esempio straordinari negli uffici speciali dell'Aquila e del cratere".

Sul personale è poi  necessario, spiega il primo cittadino, "cominciare già a ragionare su un riassorbimento di questi ragazzi negli enti locali nel 2021".

Tra la questioni poste nella riunione, sempre a livello di personale nell'ambito della ricostruzione privata è stato chiesto di scorrere le graduatorie del concorsone per sostituire più velocemente coloro che vanno via e trovare il giusto assetto numerico.

Cialente ha anche indicato tra le priorità la questione della ricostruzione delle chiese e "delle circa 600 pratiche ostaggio della vecchia filiera, quella prima della legge Barca, che sono ferme".

"Abbiamo anche posto l'attenzione sulla necessità dell’adeguamento istat del prezziario della ricostruzione privata fermo al 2010".

Si è parlato anche del reinserimento dei badge per gli operai nei cantieri "per dare un contributo anche alle attività delle procure e per controllare meglio i subappalti".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui