SISMA L'AQUILA, IN DECRETO USRA SI' CONTRIBUTO PER
RIMOZIONE PUNTELLI; ANCE DETTA PRIORITA' A BIONDI

Pubblicazione: 28 luglio 2017 alle ore 15:38

Pierluigi Biondi ed Ettore Barattelli

L'AQUILA -  L'Ufficio speciale per la ricostruzione dell'aquila (Usra) emetterà un decreto che riconosce un contributo aggiuntivo per la copertura dei costi delle opere di rimozione dei puntelli negli edifici del centro storico, finora non riconosciuti.

Lo annuncia in una nota il presidente dell'Ance provinciale dell'Aquila, Ettore Barattelli, nel resoconto relativo ad un incontro, svolto ieri, dell'associazione costruttori con la nuova giunta comunale dell'aquila e il sindaco, Pierluigi Biondi.

Barattelli parla di "buona notizia data da biondi alla città e alla imprese di battaglia vinta da Ance L’Aquila dopo numerose trattative e solleciti".

Nel corso dell’incontro durato due ore, Barattelli ha consegnato al sindaco ed alla giunta un promemoria delle problematiche aperte, su ricostruzione ed altri temi legati alle politiche dell’edilizia.

In merito alla ricostruzione pubblica al palo, è stata proposta l’istituzione di una task force per il potenziamento del personale; la possibilità di ricorrere a procedura negoziata per gli appalti delle sedi delle scuole e dell’Università, per superare speditamente il problema della sicurezza antisismica degli edifici; i problemi del Genio Civile che stanno  rallentando i cantieri e l’occupazione; l’adeguamento dei costi della ricostruzione agli indici ISTAT; la tassa di occupazione del suolo pubblico (COSAP) dei ponteggi dei cantieri; il Piano Regolatore da rivedere; i ritardi sui SAL e sulle pratiche della vecchia filiera.

La necessità di istituire un tavolo tecnico-politico di confronto rapido tra categorie e istituzioni sui temi della ricostruzione è stata riconosciuta da entrambe le parti con l’obiettivo di accorciare i tempi delle soluzioni.

"Non possiamo permetterci che la ricostruzione duri altri dieci anni”,  ha spiegato Barattelli dopo aver esposto le criticità dei vari livelli della governance, lanciando l’allarme su mille presenze di operai in meno nei cantieri per il 2016, dato destinato ad aggravarsi per l’anno in corso a causa delle continue difficoltà che si registrano nei processi.

"La governance della ricostruzione è stata istituita per assumersi delle responsabilità - la posizione del sindaco Biondi - Non si può risolvere ogni cavillo facendosi fare una apposita norma da Roma. Esiste un impianto di norme da cui possiamo far derivare le varie casistiche, confrontandoci con buon senso. Il segnale da dare oggi è che siamo capaci di assumerci le responsabilità di cui ci hanno investito le norme ed i cittadini".

Il sindaco, in risposta alle sollecitazioni dei costruttori, ha evidenziato la necessità, per la rivitalizzazione del centro storico,  di riportare in centro gli uffici pubblici con una rinnovata e attenta pianificazione delle sedi e dei parcheggi che rispecchi le nuove esigenze e le effettive necessità, come per le scuole.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE



ACCADEMIA DELLE SCIENZE D’ABRUZZO, EVENTO A MONTESILVANO
SU AMBIENTE, SALUTE E MONDO PRODUTTIVO
CON LIBRI E TAVOLE ROTONDE

Diretta video venerdi 15 dicembre, a partire dalle ore 17.00


 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui