• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

SORGENTE FIUGGINO: COMUNE CANISTRO BACCHETTA REGIONE, ''ACQUA INSUFFICIENTE, GRAVI OMISSIONI''

Pubblicazione: 09 gennaio 2019 alle ore 16:25

Angelo Di Paolo

L'AQUILA - "La sorgente Fiuggino dispone di una capacità non sufficiente per lo sfruttamento e il Tribunale amministrativo regionale ha stigmatizzato la condotta della Regione che non ha riesaminato le motivazioni sulle prescrizioni non ottemperate da parte della società Santa Croce".

Ad affermarlo, come riporta il quotidiano il Centro, il sindaco di Canistro (L'Aquila), Angelo Di Paolo, e l'assessore Ugo Buffone. Il riferimento al pronunciamento del Tar che ha accolto il ricorso della società Santa Croce, contro il provvedimento datato 21 agosto 2017, con il quale la Regione Abruzzo aveva disposto la decadenza della concessione della sorgente di acqua minerale Fiuggino di Canistro, da cui la Santa Croce è tornata ad imbottigliare l'acqua, dopo che gli è stata revocata la concessione della sorgente Sant'Antonio Sponga. Il provvedimento della Regione è stato considerato dai giudici amministrativi “immotivato” e “abnorme”, condannando la Regione ad un adeguato ristoro dei danni alla società di Camillo Colella, e il Comune che si era costituito in giudizio al risarcimento delle spese legali, per oltre 4 mila euro.

Il Comune di Canistro sulla vicenda nei giorni scorsi aveva inviato alle testate una lunga nota, di difficile comprensione giornalistica.

Dalle pagine del centro Di Paolo e Buffone bacchettano ora la Regione, per come ha gestito la partita, invocando l'intervento della Corte dei Conti, e attaccando la Santa Croce, con cui il Comune assieme alla Regione ha in atto un duro contenzioso, a seguito della revoca della concessione della Sant'Antonio Sponga. Per il comune l'acqua imbottigliata dalla sorgente Fiuggino "è stata giudicata pericolosa per la presenza di particelle in sospensione, al punto da intimare il divieto di consumo e la restituzione al punto vendita". 

"A distanza di un anno - spiegano Di Paolo e Buffone - l'ente regionale ha presentato una relazione con cui spiegava tutti gli inadempimenti e le omissioni, e il Tar il 31 dicembre ha preso atto che la Regione in un anno, invece di trascrivere le motivazioni a supporto di un rinnovato atto amministrativo di decadenza, si è limitata a riportare tali giustificazioni soltanto nella relazione depositata al Tar. È stata quindi annullata la determina regionale di decadenza del 21 agosto 2017". 

"Il Comune - proseguono i due amministratori - non ha avuto parte nella formazione dell'atto amministrativo di decadenza, essendo il rilascio della concessione e il suo ritiro di esclusiva competenza della Regione. È assolutamente falso che il sindaco di Canistro, nei mesi scorsi, aveva emesso un'ordinanza con cui si vietava l'imbottigliamento ed è falso che la Santa Croce abbia avuto ragione. Vero è, invece, che l'ordinanza sindacale di sospensione non è stata nemmeno impugnata davanti al Tar e che, invece, il ministero della Salute, ha diffuso un Modello di richiamo, comunicazione ministeriale del 10 agosto 2018 relativa a un lotto di produzione della Santa Croce, con cui l'acqua imbottigliata a Canistro e commercializzata, proveniente dalla Fiuggino, è stata giudicata pericolosa per la presenza di particelle in sospensione, al punto da intimare il divieto di consumo e la restituzione al punto vendita".

 Di Paolo e Buffone avvertono che "sarà la Corte dei Conti a valutare la condotta della Regione, perché qualcuno dovrà pur rispondere al grave danno erariale causato". 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

CANISTRO: TAR BOCCIA STOP CONCESSIONE FIUGGINO, SANTA CROCE PUO' IMBOTTIGLIARE

L’AQUILA - Il Tribunale amministrativo regionale ha accolto il ricorso della società Santa Croce, contro il provvedimento datato 21 agosto 2017, con il quale la Regione Abruzzo aveva disposto la decadenza della concessione della sorgente di... (continua)
...
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui