STAZIONE PESCARA: CONSUMATORI, ''CI PIOVE DENTRO, E NON RIPARANO TETTI!''

Pubblicazione: 16 febbraio 2017 alle ore 16:26

PESCARA - "Da anni, dopo ogni pioggia, l'atrio dell'ex nuova stazione ferroviaria di Pescara viene invasa da secchi gialli e blu, collocati per tentare di raccogliere l'acqua piovana.  Una famiglia normale se è costretta a subire l'acqua piovana dentro casa fa riparare il tetto. I Responsabili di Centostazioni riempiono invece di secchi l'atrio della stazione di Pescara, e li corredano di piccole sagome gialle per avvisare i passeggeri di non scivolare".

A denunciarlo l'osservatorio sulla mobilità Federconsumatori Abruzzo. E le perdite d'acqua non sono le uniche gravi pecche della stazione, che si ricorda E' qui, non sono è utilizzata da centiania e centinaia di pendolari ogni giorno, ma è o meglio dovrebbe essere un biglietto da visita per i turisti che arrivano in Abruzzo e sulla costa adriatica.  

"Un ulteriore grave problema - si legge infatti nella nota - che debbono subire i passeggeri della stazione di Pescara centrale è determinato  dalla pessima temperatura esistente nell'unico spazio destinato all'attesa dei treni: l'atrio della stazione. Al punto che durante l'inverno la temperatura esterna alla stazione è superiore a quella interna.
Forse i Responsabili di Centostazioni tengono bassissima la temperatura per evitare che possano sostarvi i senza dimora. Ma dimenticano che nelle stazioni non transitano solo i senza dimora, passano anche i passeggeri, e non è giusto che in attesa dei treni debbano rischiare una polmonite.

Anche le scale mobili sono causa di disagi per i passeggeri, denuncia Federcosumatori. 

"Spesso si bloccano e  costringono i viaggiatori ad arrangiarsi sulle scale fisse con le valigie al seguito. I sottopassaggi laterali presenti sul piano dei binari sono una trappola ben ideata dal costruttore della stazione. Non esiste al mondo una situazione analoga. Dovunque i sottopassaggi servono per accompagnare i viaggiatori verso l'uscita; a Pescara no: due dei tre sottopassaggi esistenti sono infatti utilizzabili solo per spostarsi da un binario all'altro. Con la conseguenza che, da anni, moltissimi passeggeri sono costretti a risalire le scale, dopo averle scese convinti di poter raggiungere l'uscita. Una volta risaliti sul piano dei binari, debbono mettersi alla ricerca  del sottopassaggio giusto per uscire dalla stazione (una semplice scritta: NO USCITA presso i sottopassaggi trabocchetto aiuterebbe moltissimo ad evitare i disagi ai passeggeri). Nella stazione di Pescara mancano anche i quadri necessari per individuare la numerazione delle vetture. Esistono in ogni media/ grande stazione. A Pescara i passeggeri debbono andare a memoria oppure a sorte. E nessuno sa perché".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui