• Abruzzoweb sponsor

SUPERTICKET SANITA': SINDACATI ABRUZZESI VS GOVERNO, ''SI A CANCELLAZIONE''

Pubblicazione: 13 dicembre 2018 alle ore 10:14

L'AQUILA - "L’Abruzzo ha già previsto l’eliminazione dei superticket, grave che il governo voglia ora impedirlo"

Cgil, Cisl e Uil vogliono denunciare al Ministro della Salute, Giulia Grillo, dopo le sue ultime dichiarazioni sull’abolizione dei superticket da parte delle Regioni, che il Ministero Economia e Finanze ha deciso di bocciare la proposta della Regione Abruzzo di azzeramento dei superticket e le proposte di riorganizzazione della sanità regionale. I sindacati abruzzesi ricordano che la Regione Abruzzo ha già da tempo scelto la strada  della riorganizzazione della sanità regionale per creare economie significative, utili oggi "a raggiungere l’obiettivo dell’abolizione di questa tassa iniqua".

"Il Ministro Giulia Grillo - si legge nella nota - ha elogiato il provvedimento della Regione Emilia Romagna sull'abolizione del superticket, esprimendo la volontà del suo Dicastero di inserire un emendamento in merito, a valenza per tutte le regioni, nella Legge di bilancio. Nell’ipotesi probabile che ciò non fosse possibile si dovrebbe attendere l’anno prossimo per intraprendere il percorso di eliminazione".a.

"Un percorso che ha portato, - spiegano i sindacati - dopo mesi di concertazione con le forze sociali grazie all'uscita della Regione Abruzzo dal commissariamento, ad un’intesa tra le organizzazioni sindacali e l'assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci, che stabiliva un’iniziale rimodulazione del superticket con l’obiettivo finale dell’eliminazione integrale. Un buon accordo che soddisfaceva le esigenze delle fasce più deboli, purtroppo bocciato a Roma, che ha bloccato la possibilità per la Regione Abruzzo di proseguire la fase di risanamento nella sanità".

"La bocciatura del Governo Nazionale della proposta di riduzione del superticket avanzata dalla Regione Abruzzo è stata una scelta grave ed ingiusta che peserà sulle spalle dei cittadini abruzzesi che continueranno a dover pagare questa odiosa tassa sulla salute e che, in molti casi, saranno  costretti a rinunciare alla cura e alla prevenzione o a rivolgersi alle strutture private a causa di tempi di attesa e degli alti costi delle prestazioni", conclude la nota.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui