• Abruzzoweb sponsor

TAGLI AI CENTRI DI ACCOGLIENZA: ''EVITARE ALTRI LICENZIAMENTI''

Pubblicazione: 01 giugno 2019 alle ore 11:10

TERAMO - I tagli contenuti nel Decreto sicurezza mettono a rischio i posti di lavoro di quasi la metà degli operatori della Medihospes, la cooperativa sociale che gestisce i Cas di Canzano, Campli e Basciano, più gli Sprar di Teramo e Roseto.

Il taglio annunciato dalla Medihospes in provincia di Teramo è notevole, 26 unità su un totale di 58 operatori: 9 operatori, 3 insegnanti di italiano, 3 psicologi, un mediatore culturale, come spiega Il Centro.

Una lunga trattativa ha portato a un'ipotesi di accordo per evitare i licenziamenti. In queste ore sono in corso le assemblee del personale e lunedì l'accordo sarà firmato. Ma c'è un prezzo da pagare.

"Con l'entrata in vigore del Decreto sicurezza la Medihospes ha avviato una procedura di licenziamento collettivo per le figure che non sono comprese nel servizio di accoglienza - spiega Pancrazio Cordone, segretario della Fp Cgil - e alcuni turni rimarranno scoperti. Abbia fatto assemblee del personale per illustrare l'accordo per l' accesso al fondo di integrazione salariale (Fis) che evita di ricorrere ai licenziamenti, ma che produrrà una riduzione oraria. L'abbiamo raggiunto in un incontro al ministero del Lavoro con Medihospes martedì scorso. Il risultato non era affatto scontato: il Fis prevede un rilancio dell'attività che però, vista la situazione, al momento non ci sarà".

Se oggi un centro di accoglienza con una cinquantina di beneficiari vede in media due operatori di mattina, due di pomeriggio e uno notte, poi secondo il decreto non ci sarà del servizio. In particolare di notte non saranno coperte più di quattro ore.

Lunedì, dunque, dopo le assemblee che coinvolgono 351 dipendenti della cooperativa sociale in tutta Italia, ci sarà la firma dell'accordo al ministero.

"Cominciamo a registrare anche sul nostro territorio - continua il segretario provinciale della Fp Cgil - gli effetti di una politica miope sull'accoglienza in cui si colpisce la qualità del servizio offerto rinunciando a figure come insegnanti di italiano, psicologi e mediatori culturali. L'accoglienza prima e l'integrazione poi diventano sempre più difficoltose. Gli effetti di avere persone sul nostro territorio non messe nelle condizioni di avere un punto di riferimento per le esigenze primarie temiamo accentuino disagi sociali e acuiscano le differenze tra italiani e stranieri".
 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui