• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

TASSE POST-SISMA: D'ALFONSO SCRIVE A MATTARELLA, ''INTERVENTO IMMEDIATO''

Pubblicazione: 09 aprile 2018 alle ore 19:50

Luciano D'Alfonso

L'AQUILA - "Scrivo queste righe certamente amareggiato ma guidato, soprattutto, dalla determinata consapevolezza di dover lottare contro una decisione che interviene ad aggravare la già difficile situazione che vive dal 6 aprile 2009 il popolo abruzzese. Nonostante il popolo abruzzese si è rimesso subito in cammino, ricomponendo i cocci, oggi il sentimento dominante torna a essere la rabbia dovuta alle recenti notifiche, a numerose imprese abruzzesi, di cartelle esattoriali con intimazione di pagamenti milionari entro 30 giorni. Istanze gestite dal commissario nominato dalla presidenza del Consiglio".

Lo scrive in due lettere, una al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l'altra al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, il presidente della Regione Abruzzo e neo senatore, Luciano D'Alfonso, che fino ad oggi non aveva preso posizione, come racconta Il Centro.

Il clima è quello delle forti polemiche scoppiate a seguito della recente notifica delle cartelle esattoriali milionarie con pagamenti entro 30 giorni a circa 350 tra imprese e partite iva del cratere sismico.

La questione, dunque, tasse finisce nei piani più alti dei palazzi romani. 

D'Alfonso chiede al presidente della Repubblica un impegno in prima persona, "in quanto in prospettiva squisitamente politica, emergono evidenti contraddizioni e responsabilità che necessitano di un intervento delle istituzioni che, insieme, hanno il dovere di garantire ai cittadini la tutela concreta di diritti imprescindibili". Stesso appello a Gentiloni.

D'Alfonso, nelle lettere, ricostruisce l'iter procedurale e il ricorso al Tribunale amministrativo regionale."Il decreto di nomina - prosegue D'Alfonso - presenta gravi profili di illegittimità: lo Stato italiano ha l'obbligo di eseguire una seconda valutazione specifica e concreta, volta ad accertare se la misura agevolativa, concessa alla singola impresa, possa o meno configurarsi come aiuto di Stato. Infine, ironia della sorte, interviene il 6 aprile 2018, nel nono anniversario del terremoto dell'Aquila, una decisione della Commissione europea secondo cui il regime di aiuto italiano, volto a sostenere gli investimenti nelle regioni colpite dal sisma del Centro Italia, appare in linea con le normativa europea".

In conclusione il neo senatore chiede "un intervento immediato".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui