TERREMOTO: ARISCHIA FUORI DAL CRATERE, SI APRE LO SCONTRO POLITICO

Pubblicazione: 17 marzo 2017 alle ore 18:29

Edifici inagibili ad Arischia

L'AQUILA - La frazione di Arischia del Comune dell'Aquila, bersagliata dai terremoti, resta fuori dal "cratere" 2016/2017 e si scatena la polemica politica.

Alle azioni del sindaco, Massimo Cialente, che ha scritto al presidente della Regione nonché commissario per l'emergenza, Luciano D'Alfonso, e della senatrice Stefania Pezzopane, che promette nuovi tentativi in "altri passaggi parlamentari", replica il centrodestra.

Guido Liris, consigliere comunale di Forza Italia, ed Elia Serpetti, presidente dell'amministrazione degli Usi civici di Arischia, parlando di "triste destino confezionato dal Pd" mentre Fabrizio Taranta di Noi con Salvini contestano "bugie e promesse non mantenute".

Lo scontro è anche sul merito: per la Pezzopane, trattandosi di un inedito, le strutture ministeriali al momento non hanno ritenuto possibile inserire nel cratere solo la parte di un Comune; per i salviniani, semplicemente la proposta neanche c'era.

CIALENTE A D'ALFONSO: "EVITAR DISPARITA' DI TRATTAMENTO"

Il primo cittadino produce documentazione geografica e storica per il presidente-commissario e si dice "certo che condividerà la necessità di evitare che meri confini amministrativi creino inutili disparità di trattamento di fattispecie ed esigenze del tutto simili".

PEZZOPANE: "TECNICAMENTE NON POSSIBILE, RIPROVEREMO"

Ad Arischia vanno date tutte le risposte necessarie. È assurdo non averla inserita. Se non sono riusciti a farlo in commissione Ambiente della Camera, continueremo la battaglia negli altri passaggi parlamentari.

Nel decreto approvato alla commissione Ambiente ci sono ottime cose e il cratere è stato ulteriormente ampliato inserendo tutti i comuni dell'Alta Valle dell'Aterno.

I colleghi della Camera, anche del Pd, hanno presentato emendamenti al decreto anche per inserire Arischia. Mi dicono che purtroppo non è stato possibile al momento, perché le strutture ministeriali non hanno ritenuto tecnicamente possibile inserire una frazione di un Comune.

Non ci sono precedenti, finora sono stati definiti nei crateri sismici solo interi comuni con numeri di inagibilita sopravvenute superiori al 50%. Continueremo nei successivi passaggi parlamentari a porre il problema per dare risposte ai cittadini.

LIRIS E SERPETTI: "DISINTERESSE DEL PD DA 10 ANNI"

Arischia è fuori dal cratere! Il Partito democratico dimentica L'Aquila e in particolar modo la sua frazione più danneggiata dall'evento sismico del 18 gennaio scorso; dopo i reiterati annunci della senatrice Pezzopane, del sindaco Cialente, del vice presidente Lolli e del consigliere Pietrucci, la popolazione di Arischia ha potuto ancora una volta constatare il disinteresse e l'abbandono che da 10 anni rendono la propria frazione vittima del centrosinistra.

È vergognoso da parte dell'amministrazione comunale aver accuratamente evitato la convocazione di un Consiglio comunale ad hoc finalizzato a rendere pubblica ed ufficiale la volontà di tutti i consiglieri aquilani di appoggiare la legittima richiesta di una parte del nostro territorio, oggi in grave difficoltà.

Non ci arrenderemo al triste destino che per noi è stato confezionato dal Partito democratico locale e nazionale: lotteremo in ogni modo e in ogni sede istituzionale locale e nazionale perché anche il Comune dell'Aquila limitatamente alla frazione di Arischia rientri nel nuovo cratere.

Ricordiamo che ben 60 famiglie sono state portate via da Arischia e non sanno quale sarà il loro futuro.

L'amministrazione comunale ha smembrato una comunità e sta dimenticando la storia di una intera comunità, la storia e le tradizioni del suo popolo.

TARANTA: "NEGLI EMENDAMENTI ARISCIA NON C'ERA"

Nell’emendamento presentato dal Pd per la modifica del decreto tra i comuni da inserire nel Cratere non figurava la frazione di Arischia, non prendendo quindi in considerazione quanto richiesto anche dai gruppi parlamentari Lega-Ncs.

Non una sola parola è stata spesa da parte dei compagni di partito di Cialente, Pietrucci e Pezzopane in favore di Arischia. Tutti i proclami fatti dal Pd all’indomani della visita di Salvini ad Arischia non sono stati che fumo al vento.

Quando era ormai chiaro che Arischia sarebbe rimasta esclusa dal cratere, i parlamentari della Lega-Ncs hanno subito presentato un sub-emendamento che è stato però bocciato dall’aula e dal Partito democratico.

Gli stessi democrat che, poi, in vista delle elezioni vengono nelle nostre piazze a raccontare falsità e bugie.

La verità è una sola: anche questa volta il Partito democratico ha votato in Parlamento contro la nostra città e la nostra frazione.

Basta con le bugie e le promesse non mantenute: Arischia non vuole più saperne di questi giochi di palazzo ed è ormai chiaro a tutti che il Pd al governo nazionale lavora quotidianamente contro L’Aquila con la complicità del Pd locale che è incapace di dare risposte serie e che sta portando il capoluogo allo spopolamento per i propri interessi elettorali. (alb.or.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE


ACCADEMIA DELLE SCIENZE D’ABRUZZO, EVENTO A MONTESILVANO
SU AMBIENTE, SALUTE E MONDO PRODUTTIVO

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui