TERRORISMO NEOFASCISTA: ''CARBONIZZARE
NAPOLITANO'', EX CARABINIERE CONDANNATO

Pubblicazione: 28 settembre 2016 alle ore 21:07

L’AQUILA - “Questo è il momento storicamente perfetto per carbonizzare Napolitano e la sua scorta. Da qui deve iniziare la liberazione d’Italia”.

Per questa e altre affermazioni, oltre ai piani di attentati per uccidere politici e giudici, far saltare questure, prefetture e la sede di Equitalia di Chieti, è stato condannato dal gup del tribunale dell’Aquila Guendalina Buccella con rito abbreviato a 6 anni di reclusione Stefano Manni, 51 anni, ascolano residente a Montesilvano (Pescara), ex carabiniere.

Viene ritenuto il capo indiscusso del gruppo politico clandestino “Avanguardia ordinovista”, sgominato dall’operazione “Aquila nera”, condotta in diverse regioni d’Italia (Abruzzo, Lombardia, Piemonte Lazio e Campania) dal Ros del carabinieri, che ha portato il 22 dicembre 2014 all’arresto di 14 persone, di cui 11 in carcere e 3 ai domiciliari.

Le accuse sono di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico e associazione finalizzata all’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

Assolto, invece, sempre con rito abbreviato, Franco Montanaro, 48 anni, nato a Roccamorice (Pescara).

Nell’inchiesta coordinata dall’allora procuratore antimafia e antiterrorismo, Fausto Cardella, oggi procuratore generale a Perugia, e dal sostituto Antonietta Picardi, altre 30 persone sono state indagate a piede libero.

Nel luglio 2015 con giudizio immediato sono stati disposti i rinvii a giudizio di tutti gli accusati iniziali, in tutto 44 persone. Attualmente una ventina di persone è sotto processo a Pescara.

Non tutti hanno le stesse accuse visto che molte di queste persone sono state inquisite solo per avere approvato su Internet i disegni eversivi dei più esagitati.

Tra gli obiettivi del gruppo neofascista c’erano anche gli ex presidenti della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco e Gianni Chiodi, la senatrice del Partito democratico Stefania Pezzopane, il vice sindaco dell’Aquila ed ex procuratore Nicola Trifuoggi e l’allora leader dell’Unione di centro Pier Ferdinando Casini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

TERRORISMO NEOFASCISTA, 14 ARRESTI BASE IN ABRUZZO, I NOMI DEGLI INDAGATI

L'AQUILA - Cercavano di arrivare a ottenere posti di potere attraverso il "compimento di atti di violenza nei confronti di obiettivi istituzionali come Prefetture, Questure, uffici di Equitalia", i neofascisti arrestati nell'inchiesta della Procura della Repubblica dell'Aquila. Lo si... (continua) - VIDEO  

TERRORISMO NEOFASCISTA: MANNI, ''CARBONIZZARE NAPOLITANO''

L'AQUILA - "Se non lo dico scoppio. Questo è il momento storicamente perfetto per carbonizzare Napolitano e la sua scorta. Da qui deve iniziare la liberazione d'Italia". A scriverlo sul suo profilo facebook, il 28 settembre 2013,... (continua)

TERRORISMO NEOFASCISTA: ''OBIETTIVO DISTRUGGERE STATO FANTOCCIO''

L'AQUILA - L'obiettivo del gruppo terroristico smantellato dal Ros con l’inchiesta Aquila nera, era quello di distruggere lo "Stato-fantoccio". Lo si evince da un incontro avvenuto il 27 luglio scorso nell'abitazione di Rutilio Sermonti, 93 anni,... (continua)

TERRORISMO: NEOFASCISTI CONTRO 'CASTA' NEL MIRINO DEL TURCO, CASINI E PEZZOPANE

L’AQUILA - C’erano anche l’ex governatore della Regione Abruzzo Ottaviano Del Turco, la senatrice del Partito democratico Stefania Pezzopane, il vice sindaco dell’Aquila Nicola Trifuoggi e il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini tra gli obiettivi del gruppo... (continua) - VIDEO  

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui