• Abruzzoweb sponsor

DOPO AVER MANOMESSO CONTATORE CONSEGNAVANO MENO CARBURANTE, PROCURA DI TORINO CHIEDE RINVIO A GIUDIZIO PER 8 PERSONE

TRUFFA E FRODE ALLE FERROVIE DELLO STATO: NEI GUAI TITOLARI SOCIETA' AQUILANE

Pubblicazione: 13 maggio 2019 alle ore 18:03

TORINO - Dopo aver manomesso i contatori consegnavano alle Ferrovie dello Stato meno carburante di quanto fosse stato acquistato. 

Per questo la procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di otto persone, i titolari di due società dell'Aquila e alcuni camionisti, indagati di truffa aggravata, frode in forniture pubbliche e contraffazione di sigilli. 

L'inchiesta è partita da alcuni episodi avvenuti tra il marzo e il giugno 2017 nei depositi della Rete ferroviaria italiana di Torino Stura, Settimo Torinese e Orbassano. A denunciare è stata la stessa Rfi. 

Gli approfondimenti, condotti dalla Guardia di finanza del capoluogo piemontese, hanno permesso di scoprire che i camionisti ottenevano dalle due società, collegate perché appartenenti alla stessa famiglia, delle somme in nero per aver portato a termine l'incarico che comportava un danno alla società ferroviaria e notevoli risparmi per i fornitori



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui