UBRIACO APPICCA INCENDIO A CASTILENTI, DENUNCIATO 60ENNE

Pubblicazione: 29 marzo 2019 alle ore 13:35

CASTILENTI - Un sessantenne è stato denunciato dagli agenti del Commissariato di Polizia di Atri (Teramo) in relazione all'incendio scoppiato ieri pomeriggio a Villa San Romualdo di Castilenti (Teramo). 

La ricostruzione fatta dagli agenti intervenuti, anche attraverso utili informazioni fornite da alcuni cittadini, ha consentito di accertare che l'uomo, in evidente stato di ebbrezza, aveva nel tardo pomeriggio già appiccato un piccolo incendio vicino alla sua abitazione, subito spento dai familiari. 

Successivamente, il sessantenne aveva acceso altri tre focolai, dando origine così al vasto incendio, spento solo a tarda notte, che oltre a interessare una vasta area boschiva ha creato serio pericolo alle abitazioni vicine.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

INCENDIO IN CORSO NEL TERAMANO: NON SI ESCLUDE ORIGINE DOLOSA

CASTILENTI - Un incendio sta interessando una zona collinare della frazione Villa San Romualdo di Castilenti (Teramo), dal confine con il territorio comunale di Elice (Pescara). Sul posto sono al lavoro squadre dei Vigili del fuoco di... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui