USURA: INTERESSI AL 600 PER CENTO
E ASSUNZIONE FITTIZIA, TRE ARRESTI

Pubblicazione: 12 dicembre 2018 alle ore 18:02

Il tribunale di Teramo

TERAMO - Per aver ottenuto un prestito di settemila euro è stata costretta a pagarne 15 mila, parte in contanti e parte attraverso uno stipendio per una assunzione fittizia.

Ma alla richiesta di versarne altri 12 mila e di accendere un mutuo intestato al figlio con false garanzie fornite dagli strozzini, una imprenditrice di Silvi (Teramo) ha deciso di passare ai fatti: ha licenziato il falso dipendente e ha denunciato tutto alla polizia del Commissariato di Atri (Teramo).

Oggi, quell'inchiesta, affidata dalla procura di Teramo alla squadra mobile diretta dal vice questore aggiunto Roberta Cicchetti, ha portato all'arresto di tre persone: una coppia di conviventi, entrambi di Giulianova (Teramo), lei 43enne, lui rom di 36, e una procacciatrice d'affari teramana di 56 anni.

I primi due, già detenuti in carcere per altri reati, devono rispondere di usura ed estorsione consumate, la terza, incensurata, di concorso in tentativo di estorsione; la donna ha ottenuto gli arresti domiciliari.

L'imprenditrice, a causa del fallimento della sua azienda, si era vista costretta, all'incirca nel giugno di un anno fa, a ricorrere al prestito dalla coppia che aveva calcolato interessi mensili del 50% e annuali del 600% sull'iniziale somma prestata.

Oltre a rifondere in contanti, era stata minacciata a restituire il denaro con l'assunzione, fittizia ma retribuita, del figlio della 43enne nell'azienda di famiglia. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui