309 FIACCOLE PER LE VITTIME DEL DRAMMA RICORDO DELL’AQUILA ANCORA IN PIAZZA

5 Aprile 2016 08:30

L'AQUILA – Una fiaccolata per commemorare le 309 vittime a 7 anni dal terremoto del 6 aprile 2009, che torna ad essere l'occasione per chiedere “Verità e giustizia”, nonostante quest'ultima abbia fatto il suo corso con il verdetto della Cassazione del 20 novembre scorso.

Gli “ermellini”, confermando la sentenza della Corte di appello dell’Aquila di un anno prima, hanno infatti assolto 6 dei 7 componenti della commissione Grandi rischi (Cgr) che in primo grado erano stati condannati a 6 anni di carcere per aver falsamente rassicurato gli aquilani e aver sottovalutato il rischio sismico al termine della riunione del 31 marzo 2009, causando la morte di 29 di loro, verdetto ribaltato nel secondo grado di giudizio.

L'unico ad essere condannato è stato, com'è noto, l'ex vice capo della Protezione civile Bernardo De Bernardinis.

Stasera, alle 22, il corteo promosso come sempre dai familiari delle vittime che saranno alla sua testa, partirà da davanti al tribunale, in via XX Settembre, per raggiungere piazza Duomo dove a mezzanotte saranno letti i nomi delle vittime.

A precedere le commemorazioni, quest'anno è stata la manifestazione di mercoledì scorso, quando circa 500 persone si sono ritrovate davanti all'Auditorium del Parco in occasione del settimo anniversario della telefonata tra l'allora capo della Protezione civile Guido Bertolaso e l'ex assessore regionale Daniele Stati, nella quale si parlava di “operazione mediatica” rispetto alla alla commissione Grandi rischi che si sarebbe riunita all'Aquila il giorno dopo.

Riunione sfociata in un processo per false rassicurazioni date agli aquilani alle prese da mesi con lo sciame sismico che dopo la condanna di primo grado ha portato all'assoluzione sia in Appello sia in Cassazione, di 6 dei sette componenti della Cgr, con la sola condanna a due anni per omicidio colposo e lesioni colpose gravi dell'allora vice capo della Protezione civile De Bernardinis. In un filone parallelo è indagato Bertolaso, candidato sindaco di Forza Italia a Roma.

La manifestazione è stata promossa, tra gli altri, dal consigliere comunale Vincenzo Vittorini, medico chirurgo che nel terremoto ha perso la moglie e una figlia, che nella seduta dell'Assise del 21 marzo scorso ha esposto in aula uno striscione con scritto “Verità per la strage di L'Aquila del 6 aprile 2009 h 3.32”, che porterà in Consiglio fino alla fine della consiliatura. Dopo che per il caso di Giulio Regeni il Comune dell'Aquila aderendo alla campagna di Amnesty ha affisso uno striscione sulla facciata della sede di palazzo Fibbioni.

Dal tribunale, la fiaccolata stasera risalirà lungo via XX settembre, sfilando davanti a molti dei luoghi simbolo della tragedia, in primis la Casa dello studente crollata dove ci furono 8 morti.





Una “via crucis” davanti agli edifici crollati, fino a raggiungere piazza Duomo dove verranno letti i nomi delle 309 persone scomparse in quella notte tra il 5 e il 6 aprile 2009.

In rappresentanza del Governo, sarà presente il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti e, per la città di Roma, il commissario Francesco Paolo Tronca. Assente giustificata la sottosegretaria con delega alla ricostruzione Paola De Micheli, diventata mamma qualche giorno fa.

Anche quest'anno l'azienda aquilana per la mobilità (Ama) metterà a disposizione bus navetta gratuiti, il cui programma è disponibile sul sito web www.ama.laquila.it, mentre l’Azienda servizi municipalizzati (Asm) metterà a disposizione i raccoglitori per lo smaltimento delle fiaccole lungo il percorso. I parcheggi consigliati per la sosta delle auto sono quelli del piazzale Italtel, piazza del Mercato (piazza d’Armi) e piazzale Meridiana.

Il programma religioso, prevede alle 00.30 una santa messa in suffragio delle vittime alla basilica di San Giuseppe Artigiano, all'1.45 veglia di preghiera alla Cappella della Memoria di Piazza Duomo (accanto chiesa Santa Maria del Suffragio). Alle 3.32 309 rintocchi risuoneranno dalla campana della chiesa di Santa Maria del Suffragio (Anime Sante).

Una fiaccolata commemorativa si tiene anche a Poggio Picenze, con partenza alle 21 dalla chiesa di San Giuliano e arrivo in piazza San Massonio con deposizione floreale al monumento in onore delle vittime. (m.sig.)

LO SPECIALE DI ABRUZZOWEB

I BAMBINI DELLA GENERAZIONE TERREMOTO, “RESTIAMO A L'AQUILA” di Alberto Orsini
I DATI: SFOLLATI DA 12MILA A 8MILA IN UN ANNO di Alberto Orsini
IL CRATERE: “ALTRI 10 ANNI PER RICOSTRUIRE I PAESI” di Filippo Tronca
I PROCESSI: INCUBO DELLA PRESCRIZIONE E PIU' CORRUZIONE di Alberto Orsini
LE STORIE: LORELLA, LA MADRE CORAGGIO DEL SISMA di Marianna Galeota

LA FIACCOLATA

IL RICORDO DELLE VITTIME ANCORA IN PIAZZA

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!