AVEZZANO, NUOVO MUNICIPIO DA COMPLETARE: COMUNE PUNTA AI FONDI STATALI

4 Giugno 2021 11:31

AVEZZANO – Per portare alla meta l’incompiuta del nuovo municipio, nel quartiere “La Pulcina”, l’amministrazione Di Pangrazio punta al bando nazionale “rigenerazione urbana” che prevede la concessione di finanziamenti fino a 5 milioni di euro per le città con una popolazione superiore ai 15 mila abitanti.

“Il traguardo del completamento del Municipio è prioritario – spiega Gianni Di Pangrazio – per dare una svolta alla storica incompiuta impantanata da anni”.

Il primo cittadino oltre alla messa in sicurezza di tutte le scuole, vuole arrivare velocemente al completamento del nuovo palazzo municipale dall’incuria e dal degrado e aprirlo alla città. L’operazione, però, secondo il progetto preliminare messo nero su bianco dalla Proimpianti nel 2015, necessita di una spesa complessiva di sette milioni e cinquecento mila euro tra lavori, direzione e spese varie. Un terzo dei fondi per il completamento, ovvero due milioni e cinquecento mila euro, sono già previsti in bilancio, mentre l’opera è inserita nel programma triennale.

Per arrivare al risultato finale e vedere finalmente il Comune nuovo realizzato nella zona nord della città senza gravare sulle casse comunali, già in sofferenza per la crisi pandemica, l’amministrazione ha approvato il progetto definitivo del 2015, ritenendolo valido sia nelle previsioni impiantistiche che nei costi stimati,    scommettendo sul “tesoretto” messo in gioco dal governo nazionale con l’obiettivo di intercettare i 5 milioni di euro mancanti. Il bando prevede la possibilità di completare opere incompiute per migliorare la qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale mediante interventi di ristrutturazione edilizia di immobili pubblici. In attesa dei fondi statali, con le risorse stanziate nel bilancio, l’Ente ha già avviato la procedura per il completamento dell’ala destinata alla Polizia locale, nonché per la realizzazione di opere di urbanizzazione a servizio del quartiere.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: