A14, FREE TO X: INAUGURATA PRIMA STAZIONE RICARICA ELETTRICA AD ALTA POTENZA IN ABRUZZO

20 Maggio 2022 15:12

TERAMO  –   Prosegue   l’attuazione  del  progetto  di elettrificazione  e  sostenibilità  di  Free  To  X,  start-up  del  gruppo Autostrade  per  l’Italia dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità,  con  l’inaugurazione  della prima High Power Charging station in Abruzzo, a Torre Cerrano Ovest (A14 – Ancona-Pescara).

Giorgio Moroni,  ceo Free To X, dichiara: “Fin da quando, lo scorso anno, il piano  di elettrificazione della rete gestita da ASPI è stato avviato, Free To  X  si  è impegnata nella progettazione di un network che assicurasse la neutralità  geografica  da Nord a Sud e da Est ad Ovest, con l’obiettivo di portare  avanti  con omogeneità e continuità la fornitura del servizio agli utenti in viaggio lungo le dorsali del Gruppo”.

Fino  al  completamento  del  piano,  previsto  per  l’estate 2023, saranno avviati  in media 6/7 nuovi cantieri ogni mese e attualmente l’investimento complessivo  per  le 100 stazioni di ricarica ad alta potenza è di maggiore di 70 milioni di euro.

Una  volta  completato il  piano di installazione, su 100 aree di servizio della  rete  ASPI, la distanza media tra un’area di ricarica e l’altra sarà di  circa  50  km,  pari  all’interdistanza  media delle aree di servizio a livello  europeo,  nonché  in  linea  con proposta di regolamento europeo ( Alternative   Fuel  Infrastructure  Regulation  –  AFIR),  all’interno  del pacchetto di misure sul clima “Fit for 55”.

La  stazione  aperta  oggi  è  la  tredicesima  di  Free to X sulla rete di Autostrade  per  l’Italia.

I cantieri già attivi – in fase avanzata – sono 24.  Le  stazioni  interessate  sono: San Nicola Est (A1 – Napoli-Roma), La Pioppa  Est (A14 – Bologna-Ancona), La Pioppa Ovest (A14 – Bologna-Ancona), Montefeltro  Ovest  (A14–  Bologna-Ancona), Torre Cerrano Est (Irpinia Nord (A16 – Napoli-Canosa), Irpinia Sud (A16 – Napoli-Canosa), Brughiera Est (A8 –  Milano-Varese),  Brughiera  Ovest  (A8  –  Milano-Varese), Po Est (A13 – Bologna-Padova),  Po Ovest (A13 – Bologna-Padova), Lario Ovest (A9 – Milano –  Como),  Lario  Est  (A9  – Milano – Como), San Zenone Est (A1 – Milano – Bologna),  Brianza  Sud  (A4  –  Milano-Brescia),  Arno Est (A1 – Firenze – Roma),  Aurelia Sud (A10 Genova – Savona), Arno Ovest (A1  Firenze – Roma), Firenze Nord (A11 Firenze – Mare), Peretola Sud (A11 Firenze – Mare), Canne della  Battaglia  Ovest  (A14  Canosa – Taranto), Canne della Battaglia Est (A14  Canosa  –  Taranto),  Torre  Fantine Est (A14 Lanciano-Canosa), Torre Fantine Ovest (A14 Lanciano-Canosa).

Nata  nei  primi  mesi  del  2021, Free To X è una start-up del gruppo ASPI dedicata  allo  sviluppo  di  servizi  avanzati  per la mobilità, che offre soluzioni  per  migliorare  l’esperienza  di  viaggio  a  360°, puntando su innovazione,  tecnologia  e sostenibilità. Free To X realizza e gestisce in qualità  di  Charging  Point Operator (CPO), un network di ricarica ad alta potenza  (High  Power  Charger  –  HPC) per veicoli elettrici in Italia, in ambito  autostradale e non solo, con colonnine in grado di erogare 300kW di potenza che permettono tempi medi di ricarica di 15 – 20 minuti.

Free  To X assicura la neutralità tecnologica, consentendo di ricaricare le diverse  tipologie  di  veicoli che viaggeranno in autostrada, il tutto con energia  100% green,  garantendo l’accesso, a parità di condizioni, a tutti i  principali operatori della mobilità elettrica (Mobility Service Provider –  MSP) che hanno il rapporto con gli utilizzatori finali, anche attraverso le  principali  piattaforme  di  e-roaming.  La seconda neutralità è quella geografica,  poiché Free To X coprirà omogeneamente la rete autostradale di Autostrade per l’Italia.

I conducenti di auto elettriche, attraverso le app o card dei Mobility Service Provider potranno così usufruire dei servizi di ricarica  in  totale  autonomia, h24 e 7 giorni su 7, impiegando gli stalli per il tempo necessario al rifornimento delle batterie del proprio mezzo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: