A24-A25, “SCIAGURATA STAGIONE EX GESTORE”. SCONTRO DI GIROLAMO-SDP: “AFFERMAZIONI GRAVI”

1 Dicembre 2022 20:24

Italia - Cronaca

ROMA – Nuovo scontro sulle irrisolte questioni, almeno in via definitiva, della messa sicurezza e delle tariffe per le autostrade A24-A25: a scatenare le reazioni della ex concessionaria Strada dei Parchi, del gruppo abruzzese Toto, le parole della senatrice M5S Gabriella Di Girolamo parlando di “sciagurata stagione del vecchio gestore privato”.

La gestione delle autostrade laziali ed abruzzesi A24 e A25 è già passata ad Anas ma non si placano le polemiche e così, in una nota, Strada dei Parchi risponde “alle accuse prive di fondamento rivolte dalla senatrice”, “affermazioni gravi rivolte nel corso del question time odierno al Ministro delle Infrastrutture, ristabilendo una narrazione basata sui fatti”.

L’occasione, infatti, è stata offerta nel corso dell’audizione del ministro Matteo Salvini che ha assicurato: “Lo stop all’aumento dei pedaggi è solo il primo step, il prossimo è quello di cercare di abbassarli”, annunciando “il 6 o il 7 dicembre un incontro con una ventina di sindaci”.

Di Girolamo ha quindi commentato: “Oggi abbiamo preso atto che il ministro Salvini ha dato mandato ad Anas di procedere ad un abbassamento delle tariffe per le autostrade A24/A25, dopo anni di aumenti spropositati figli della sciagurata stagione del vecchio gestore privato. Ora però queste due arterie cruciali per tutta la viabilità del Centro Italia necessitano di interventi decisivi per rinascere dallo stato di incuria in cui versano”.





“Pertanto, sulle manutenzioni come Movimento 5 Stelle non possiamo ammettere passi indietro o ulteriori temporeggiamenti. Il ministro Salvini nel question time ha ribadito di aver dato appuntamento ai 117 sindaci del territorio la prossima settimana: bene, in quella sede arrivi con una road map seria di interventi e con le idee chiare sulla futura gestione di questo asset infrastrutturale. Il M5s sarà sentinella vigile sul lavoro che il ministro deciderà di fare su questa e sulle altre autostrade della rete italiana. Se si è riusciti a riportare migliaia di chilometri sotto il controllo pubblico è solo grazie alla tenacia del M5s. Ora è il momento di aprire una nuova stagione, con pedaggi alla portata di tutti e interventi mirati per ammodernare l’intera rete autostradale”.

Non si è quindi fatta attendere la replica di Sdp: “Anzitutto è un fatto ampiamente risaputo, e che dovrebbe essere noto alla Senatrice, che la concessione di gestione ed esercizio delle due autostrade fu affidata alla società Strada dei Parchi all’esito di una procedura di gara pubblica di rilevanza europea, la prima per questo settore in Italia. Pertanto, non si vede come possa essere stata assoggettata a logiche di scambio, estranee alle leggi di mercato e di pubblica utilità, come la Senatrice ha affermato”.

“La decisione di mettere a gara la gestione – non la proprietà – dell’infrastruttura ad un gruppo privato, lungi dal costituire un esproprio ai danni dei cittadini italiani, fu dettata proprio dalle gravi carenze della gestione precedente, in capo alla controllata pubblica S.A.R.A., dichiarata fallita già alla fine degli anni Settanta del secolo scorso e passata in seguito sotto il controllo dell’ANAS per oltre 20 anni”.

“Quanto ai due decenni di ‘gestione scellerata’ – queste le parole usate dalla Senatrice – da parte di Strada dei Parchi, ci preme ricordare come gli anni della nostra gestione siano stati tutt’altro che scellerati. Sono stati gli anni di una difficile ma appassionata sfida imprenditoriale a cui SdP e tutto il Gruppo Toto non si sono mai sottratti, continuando a proporre al Concedente soluzioni a tutte le criticità e riuscendo a massimizzare l’efficienza e la sicurezza della rete tra manutenzioni, spesso emergenziali, imposte dagli eventi sismici, ed esercizio”.

“A sottrarsi alle proprie responsabilità – sottolinea Sdp – crediamo invece che sia stata proprio la politica, che non ha mai dato seguito alla disposizione di Legge che nel 2012, all’indomani del primo terremoto di una spaventosa serie, le ha dichiarate ‘strategiche ai fini della Protezione Civile’ e che ne imponeva la messa in sicurezza urgente. Una battaglia per la sicurezza che Strada dei Parchi ha portato avanti per dieci anni, con 4 diversi ministri, proponendo ben 18 simulazioni e proposte di Piano Economico Finanziario che prevedessero la completa messa in sicurezza dell’infrastruttura e la revisione dei meccanismi di calcolo dei pedaggi, alla base del contratto di concessione. Proposte che si sono scontrate con l’inconcludenza dei diversi governi nazionali, che si sono visti persino censurare e “commissariare” dal Consiglio di Stato”.





“Infine, la vexata quaestio delle tariffe. Non risponde al vero che le autostrade A24 e A25 ricadano nella ‘top ten’ delle tratte più care in Italia, perché occupano la dodicesima posizione. Con questo non si intende affermare che siano economiche, soprattutto a paragone delle dorsali tirreniche e adriatiche della A1 e della A14, che abruzzesi e laziali hanno come metro di paragone. Ma queste ultime due non sono autostrade di montagna e non risentono degli elevati costi di manutenzione collegati alla presenza di viadotti e di gallerie, tra cui la più lunga a doppia canna interamente in Italia, che caratterizzano la A24 e la A25 lungo l’intero tracciato”.

“Strada dei Parchi ha provato ad offrire soluzioni anche a questo problema, ritenendo che il meccanismo alla base della formula di calcolo stabilito nel contratto di concessione fosse iniquo e andasse calmierato. In attesa che fosse riformulato, si è impegnata a congelare gli aumenti nell’arco degli ultimi cinque anni. Sarà ora compito dell’attuale Governo, del nuovo Concessionario e dei vari Commissari trovare soluzioni che evitino di spalmare gli elevati costi di gestione sulla fiscalità generale e che non pregiudichino al contempo la sicurezza dell’infrastruttura”.

“A Strada dei Parchi resta l’orgoglio di aver mantenuto in efficienza una infrastruttura pregevole ma datata, funestata da continue emergenze, e di averne avviato la messa in sicurezza anche a proprie spese, nonostante le perenni inadempienze del Concedente, garantendo sempre la sicurezza delle opere. Un fatto da ultimo riconosciuto anche dal consulente del Tribunale dell’Aquila, professor Bernardino Chiaia“, chiosa Sdp.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©






    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale





    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web